Fedriga sulla Ferriera: "La Regione inizierà i tavoli di lavoro per risolvere la questione"

L'annuncio arriva oggi a margine della chiusura del Tavolo Ferriera a cui hanno partecipato rappresentanti del Comune, Prefettura, Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico orientale, Arpa, struttura commissariale, proprietà e sindacati. "La nostra priorità è la tutela della salute dei cittadini"

La Regione attiverà quanto prima tavoli di confronto ristretti, coordinati dagli assessori al Lavoro e Formazione Alessia Rosolen, da Sergio Emidio Bini assessore alle Attività produttive e da Fabio Scoccimarro, assessore all'Ambiente per trovare una soluzione alla situazione relativa alla Ferriera di Servola a Trieste. L'annuncio arriva direttamente dal Governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, intervenendo oggi a Trieste al Tavolo Ferriera allargato a cui, oltre agli esponenti della Giunta regionale, hanno preso parte rappresentanti di Comune, Prefettura, Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico orientale, Arpa, struttura commissariale, proprietà e sindacati.

"La nostra priorità è la tutela della salute"

"Da questo tavolo - ha commentato Fedriga al termine dell'incontro - sono emerse le diverse posizioni delle parti coinvolte, da quella sindacale all'azienda e all'Autorità di
sistema portuale. La scelta di attivare dei tavoli ristretti - ha evidenziato - deriva dalla consapevolezza che la nostra priorità è la tutela della salute dei cittadini". "Noi - ha precisato il governatore - vogliamo prendere in considerazione le necessità di tutti, ben consci che l'area portuale è strategica per lo sviluppo della città e, su queste basi, può allargare i suoi orizzonti in funzione di uno sviluppo commerciale che riteniamo fondamentale per Trieste". 

"Soddisfare le priorità ambientali e occupazionali"

"Ecco perché - ha concluso Fedriga - serve la massima collaborazione da parte di tutti i soggetti coinvolti". A questo proposito, sia dalla proprietà sia dall'Autorità portuale è giunta la disponibilità a costruire un percorso operativo comune che, sotto il cappello istituzionale, possa soddisfare le priorità ambientali e occupazionali, vagliando in questo modo possibili scenari diversi da quello attuale in vista di alternative quali riconversione e re-industrializzazione del sito.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Hanno fatto talmente tanti tavoli di lavoro in questi anni che “l’arredo più di Gemona” se rifornissi dalla regione per i tavoli delle cucine de vender

  • Capito? Stanno pensando di iniziare... io penserei anche a stabilire un tavolo per iniziare a decidere su come pensare di iniziare.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rogo in strada di Fiume 16, a fuoco i sotterranei di un palazzo

  • Cronaca

    Tre profughi trovati in un container nel porto

  • Cronaca

    Violenta una 20enne a Verona, era stato minacciato con una katana a Trieste

  • Cronaca

    Il Superenalotto bacia Monfalcone, vinti 90 mila euro

I più letti della settimana

  • Rapina e sparatoria a Opicina, ladri ancora in fuga

  • Guida ubriaco e si schianta contro auto dei Carabinieri

  • Schianto auto-scooter davanti a piazza Unità: 19enne all’ospedale (FOTO)

  • Schianto sulla Costiera: ferito un ciclista

  • Lieve scossa di terremoto sul Carso

  • Camper incendiato nel nuovo parcheggio sopra "Il Giulia" (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento