Migranti, Cisint: «No all'accoglienza diffusa. Mette a rischio la sicurezza dei cittadini»

«Vogliono distribuire sul nostro territorio i 598 ospiti del Cara ma noi non lo permetteremo»

«No all'accoglienza diffusa dei richiedenti protezione internazionale che devono ancora essere identificati, dei richiedenti asilo che hanno tentato di attraversare illegalmente la frontiera, di quelli che sono stati fermati senza documenti e di coloro ai quali addirittura è stato negato il permesso di rimanere; mette a rischio la sicurezza dei cittadini».  Queste le parole del sindaco di Monfalcone Anna Cisint sul suo profilo Facebook.

«Apprendo -conclude - che vogliono distribuire sul nostro territorio i 598 ospiti del Cara (Centro di accoglienza per richiedenti asilo) nonostante sia evidente che la sicurezza è a rischio. Noi martedì dal Prefetto non lo permetteremo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Nuovi concorsi in Comune: aperti 8 posti a tempo indeterminato

Torna su
TriestePrima è in caricamento