Protesta contro Croce Rossa, Torrenti: «Da profughi richiediamo stessa compostezza degli italiani»

Torrenti ha espresso "solidarietà all'opera di volontariato della Croce Rossa che fa quanto è oggettivamente nelle sue possibilità per rendere un servizio d'accoglienza ai profughi»

«E inevitabile uno stato di disagio e l'espressione di una forte censura nei confronti di comportamenti ingiustificabili, che devono essere ben chiariti e che vogliamo evitare si ripetano. Ci attendiamo anche dai richiedenti asilo la stessa compostezza che caratterizza i comportamenti quotidiani dei nostri cittadini».

Lo afferma l'assessore regionale all'Immigrazione Gianni Torrenti, commentando la protesta contro la Croce Rossa attuata a Udine da una quindicina di profughi afghani e pachistani.

Torrenti ha espresso "solidarietà all'opera di volontariato della Croce Rossa che fa quanto è oggettivamente nelle sue possibilità per rendere un servizio d'accoglienza ai profughi». Gianni Torrenti 2

«Stiamo approfondendo gli aspetti peculiari della situazione che si è venuta a creare - ha precisato - relativamente al caso di queste persone, che sono sul territorio da molto tempo e hanno già partecipato ad attività di socializzazione. Vogliamo sapere se ci possono essere delle ragioni che hanno favorito questa reazione, in quanto vorremmo appurare che i profughi non siano stati oggetto da pressione esterne. Le persone che soffiano sul fuoco in certe situazioni - conclude Torrenti - non mancano mai».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • Piacenza-Triestina 1 a 2 | Le pagelle: bum bum Maracchi, l'Unione espugna Piacenza

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Camioncino Acegas si schianta contro un muro in via Sottomonte

  • Inseguiti a Rabuiese, gettano dal finestrino la marijuana: in manette tre giovani

Torna su
TriestePrima è in caricamento