Rifiuti, Romano (M5S): «A Muggia aumento costi fino al 30% per servizi non garantiti»

«Il Consiglio comunale ha approvato, il Piano economico finanziario rifiuti (Pef) 2017 basato su un fantomatico sistema porta a porta che, come previsto, slitta al 2018»

«Il Consiglio comunale ha approvato, con il voto favorevole di tutte le forze politiche tranne il M5S, Obiettivo comune e Mejo Muia, il Piano economico finanziario rifiuti (Pef) 2017 basato su un fantomatico sistema porta a porta che prevede aumenti di costi del 10%. Come previsto il sistema slitta al 2018. Intanto i cittadini pagano una tariffa a metro quadro con aumenti che arrivano a superare il 30% e non godono di servizi adeguati». Questo il commento del consigliere comunale di Muggia del MoVimento 5 Stelle Emanuele Romano.

«Si poteva evitare questo aumento - continua il consigliere - confermando per il 2017 il vecchio sistema e prevedendo l'avvio del nuovo sistema di raccolta contestualmente a una nuova tariffa basata sul principio "più crei rifiuti più paghi" - rimarca Romano -. Lo abbiamo proposto sia all'assessore Litteri, sia in Commissione e infine durante due sedute del Consiglio. Purtroppo quando si vuol mettere la bandierina in fretta e furia, chiudendo il dialogo con le opposizioni e le associazioni, alla fine sono sempre i cittadini a dover sopportare l'aumento dei costi».

«Durante la discussione per l'approvazione del Pef - ricorda il consigliere del M5S - abbiamo fatto notare che il totale sembrava fosse stato costruito per dare un margine del 10% rispetto l'anno precedente, senza dettagli di costo - peraltro richiesti per legge - che permettessero di valutare la struttura operativa del nuovo servizio. I fatti sembrano avvalorare questa tesi. Il sistema non era pronto e non c'erano dati reali disponibili sul nuovo sistema. I consiglieri, sia di maggioranza che opposizione, invece, hanno avvallato ciecamente quanto proposto da Net abbagliati dal termine "porta a porta". Peccato che a pagare questa leggerezza sia sempre chi abita a Muggia». «Il MoVimento 5 Stelle da tempo ha preparato una proposta di tariffa a misura che sarà condivisa con i cittadini. A breve sarà presentata anche in Consiglio comunale. Confidiamo - afferma Romano in conclusione - nel dialogo con la maggioranza e con gli uffici del Comune che finora si sono dimostrati avversi a qualsiasi proposta di cambiamento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento