Rifiuti, Romano (M5S): «A Muggia aumento costi fino al 30% per servizi non garantiti»

«Il Consiglio comunale ha approvato, il Piano economico finanziario rifiuti (Pef) 2017 basato su un fantomatico sistema porta a porta che, come previsto, slitta al 2018»

«Il Consiglio comunale ha approvato, con il voto favorevole di tutte le forze politiche tranne il M5S, Obiettivo comune e Mejo Muia, il Piano economico finanziario rifiuti (Pef) 2017 basato su un fantomatico sistema porta a porta che prevede aumenti di costi del 10%. Come previsto il sistema slitta al 2018. Intanto i cittadini pagano una tariffa a metro quadro con aumenti che arrivano a superare il 30% e non godono di servizi adeguati». Questo il commento del consigliere comunale di Muggia del MoVimento 5 Stelle Emanuele Romano.

«Si poteva evitare questo aumento - continua il consigliere - confermando per il 2017 il vecchio sistema e prevedendo l'avvio del nuovo sistema di raccolta contestualmente a una nuova tariffa basata sul principio "più crei rifiuti più paghi" - rimarca Romano -. Lo abbiamo proposto sia all'assessore Litteri, sia in Commissione e infine durante due sedute del Consiglio. Purtroppo quando si vuol mettere la bandierina in fretta e furia, chiudendo il dialogo con le opposizioni e le associazioni, alla fine sono sempre i cittadini a dover sopportare l'aumento dei costi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Durante la discussione per l'approvazione del Pef - ricorda il consigliere del M5S - abbiamo fatto notare che il totale sembrava fosse stato costruito per dare un margine del 10% rispetto l'anno precedente, senza dettagli di costo - peraltro richiesti per legge - che permettessero di valutare la struttura operativa del nuovo servizio. I fatti sembrano avvalorare questa tesi. Il sistema non era pronto e non c'erano dati reali disponibili sul nuovo sistema. I consiglieri, sia di maggioranza che opposizione, invece, hanno avvallato ciecamente quanto proposto da Net abbagliati dal termine "porta a porta". Peccato che a pagare questa leggerezza sia sempre chi abita a Muggia». «Il MoVimento 5 Stelle da tempo ha preparato una proposta di tariffa a misura che sarà condivisa con i cittadini. A breve sarà presentata anche in Consiglio comunale. Confidiamo - afferma Romano in conclusione - nel dialogo con la maggioranza e con gli uffici del Comune che finora si sono dimostrati avversi a qualsiasi proposta di cambiamento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento