Sovrintendenza su Dehors; Sasco (Udc) "ha Ragione", Giorgi (Pdl) "e' una Vergogna", Nobile (Fipe); "Incapibile"

Due principalmente le reazioni al blocco del progetto dehors da parte degli esponenti politici comunali; Per Roberto Sasco (UDC), e presidente della Commissione Urbanistica, e' giusto l'intervento della sovrintendenza: "Sì, hanno perfettamente...

Due principalmente le reazioni al blocco del progetto dehors da parte degli esponenti politici comunali;

Per Roberto Sasco (UDC), e presidente della Commissione Urbanistica, e' giusto l'intervento della sovrintendenza: "Sì, hanno perfettamente ragione, ed ora che il regolamento e' nelle mie mani lo portero' gia' mercoledi in commissione; nel centro gli esercenti devono seguire lo stile di chi fa per primo il lavoro, Nelle zone di pregio storico, artistico e ambientale è evidente che è opportuno avere uno studio di fattibilità per l'intero ambito, che dia indicazioni di uniformità su materiali e colori. Non è possibile che uno si faccia il "dehors" in ghisa e quello accanto lo progetti in legno"

Diversa la posizione di Lorenzo Giorgi (PDL), e presidente della commissisone Lavori Pubblici e Verde Pubblico, che pur non entrando direttamente sugli aspetti del regolamento in questione attacca pesantemente la struttura di palazzo Economo; "E brava la sovrintendenza, cosi' attenta alle necessita' dei cittadini; cosi' dopo aver fatto tener in piedi per anni le macerie del magazzino vini sulle Rive, dopo esserne strafregata di tutelare, come dovrebbe, il paesaggio di pregio ad esempio in Rio Martesin (giorgi scrisse una lettera aperta alla sovrintendenza chiedendole di tutelare l'area boschiva a fronte di un progetto di cementificazione ma non ottenne nemmeno risposta - ndr- ) oggi si sveglia e butta a mare un regolamento che serviva proprio a tutelare l'esteticita' delle nostre strade a favore dei cittadini e venendo incontro alle legittime rihieste dei commercianti. Non serve cambiare i sovraintendenti, serve cambiare l'istituto stesso..."

Infine, il rappresentante dei gestori di locali pubblici Beniamino Nobile, presidente della Fipe, dichiara; "Per ottenere la licenza edilizia chi fa la pratica deve comunque ottenere tutti i permessi e fare tutte le verifiche, e ogni pratica deve passare comunque alla Soprintendenza. Se adesso si fermano i progetti verranno bloccate tante iniziative, per non citare, in questi momenti di crisi, il risvolto negativo per molti artigiani. Non capisco la differenza tra l'esaminare tutte le singole pratiche e il dover rivedere il regolamento per intero, se non che la Soprintendenza vuol prevalere. Su una casa vincolata io chiesi un permesso per una modifica e la risposta mi arrivò dopo un anno...».



In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

  • Auto con 5 persone si cappotta a Santa Croce: tre minori al Burlo

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento