Allenare flessibilità e propriocezione: i consigli sanitari per esser pronti per un'ultramaratona

I consigli dello staff della "S1 - Corsa della Bora"

L'Ultramaratona è uno sport complesso. Non è facile dare dei consigli sanitari per un adeguata preparazione e prevenzione degli infortuni. I motivi sono molteplici: distanze lunghissime (sovraumane per i più), condizioni climatiche a volte ritenute proibitive, terreni sconnessi e mutevoli che richiedono per forza un approccio tecnico ed esperto.

Ma ora qualche consiglio specifico per la preparazione a 360° a un evento come la Corsa della Bora, di Livio Rizzo, fisioterapista del Poliambulatorio Poligardelli, che il 6 gennaio sarà a PortoPiccolo per per valutare e curare gli atleti assieme al professor Alessandro Giacomazzi.

  1. Allena la tua “propriocezione”, ovvero la sensibilità articolare, eseguendo esercizi di fisioterapia propriocettiva con pedane e tavolette instabili, palloni e attrezzi quali la bosu, per migliorare il controllo articolare e ridurre la probabilità di avere distorsioni su terreni impervi e sconnessi quali quelli Carsici. Si consiglia 2-3 esercizi propriocettivi da volgere un paio di volte a settimana.

  2. Allena la tua flessibilità, effettua regolarmente lo stretching per prevenire strappi e stiramenti. La temperatura rigida di inizio gennaio con temperature a ridosso dello zero, terreni sconnessi e i sali e scendi su e giù per i sentieri possono aumentare le probabilità di incorrere in infortuni muscolari che talvolta possono comportare uno stop anche per 20-30 giorni. Si suggerisce allungamento moderato mantenuto per alcuni minuti, poco e ogni giorno regolarmente.

  3. Scegli le calzature adatte e utilizza se necessario un plantare. Chiedi consiglio a uno dei nostri fisioterapisti per sapere quale calzatura sia più adeguata (neutra, per pronatore, leggera, ammortizzata), eventualmente associabile a un plantare sportivo specifico (per chi ha problemi d'appoggio, o ha avuto in passato fasciti plantari, tendiniti o mal di schiena), importante. Importante utilizzare una calzatura di numero adeguato (di solito mezzo o un numero in più).

  4. Per un recupero ottimale, effettua una seduta di scarico (cammino e jogging leggero nei giorni successivi alla gara), se possibile effettua anche una seduta di massoterapia per recuperare e risolvere le contratture. I nostri fisioterapisti sapranno consigliarti e curarti con le tecniche più adeguate.

  5. Per risolvere qualche dolore dato dal sovraccarico (tendinite o stiramenti) o da un trauma (distorsioni o traumi da caduta), rivolgiti subito a uno dei nostri professionisti sanitario, il Medico Ortopedico e il Fisioterapista potranno guidarti a una risoluzione veloce del problema.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento