Sconfitta di misura in Puglia per la Pallamano Trieste

La squadra di Carpanese esce sconfitta dal match contro la Junior Fasano. Il risultato finale è di 29 a 26 per la formazione di casa

La Pallamano Trieste esce dal campo di Fasano con l'amaro in bocca per non avere dato continuità alla serie di risultati positivi, eppure la prestazione emersa da parte dei biancorossi in terra pugliese soprattutto nell'arco della prima frazione di gioco lasciava ben presagire. La formazione di coach Carpanese, recuperati Radojkovic e Pernic a cui si è aggiunto in settimana l'innesto di Mustapic, grazie ad una difesa 5-1 ben attenta a non concedere spazi di manovra ai padroni di casa dopo 5' dall'avvio del match si trova a condurre 4-1 sino a toccare il massimo vantaggio (10-6) al 15'.

A questo punto un black out dei giuliani, dovuto a qualche imprecisione di troppo, permette alla Junior Fasano di mettere un parziale a proprio favore di 5-0 che le consente di effettuare il sorpasso sugli ospiti (11-10) per un equilibrio che si rivelerà pressoché costante, nonostante ciò Trieste chiude il primo tempo avanti di una rete (13-14).

Il secondo tempo

Al rientro dagli spogliatoi sono i pugliesi a fare la partita, Trieste cala vistosamente subendo un parziale di 7-1 che la manda a 5 reti di scarto dagli avversari (20-15) al 40'. La reazione, seppur tardiva, giunge a 6' dalla conclusione quando Radojkovic (top scorer dell'incontro con 9 reti al suo attivo) piazza il gol del -2 (24-22) per un finale equilibrato dove ai giuliani è mancata la lucidità necessaria ad invertire la rotta in modo da fare propria la partita (29-26). 

Le parole del direttore sportivo Oveglia

“La squadra ha disputato un ottimo primo tempo, meno bene sono andate invece le cose nei primi 15' del secondo, purtroppo abbiamo perso un'occasione utile per conquistare punti importanti in ottica salvezza. E' da considerarsi positivo l'inserimento di Mustapic il quale non potrà fare altro che migliorare il nostro gioco offensivo, per quello che ci riguarda dobbiamo senza ombra di dubbio capire che il mantenimento della categoria dipende esclusivamente da noi: sino alla fine del campionato dovremo mettere in campo un atteggiamento da leoni, anche nei confronti di certe situazioni negative che ci possono capitare durante il percorso”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento