Sta per Partire Trieste Film Festival; Anche Sky Arte fra i Protagonisti

Anche Sky Arte partecipa al Trieste Film Festival Il senso della vita secondo Ulay, le performance di Elisa Vladilo a Pola e un viaggio affascinante nella poetica di Edward Hopper: cinema e arte si incontrano in Arthouse, sezione del Trieste Film...

Anche Sky Arte partecipa al Trieste Film Festival

Il senso della vita secondo Ulay, le performance di Elisa Vladilo a Pola e un viaggio affascinante nella poetica di Edward Hopper: cinema e arte si incontrano in Arthouse, sezione del Trieste Film Festival ideata in collaborazione con Sky Arte HD

Nel corso della sua prima edizione ha documentato un mondo in fibrillazione, quasi in ebollizione: pronto a esplodere in una carica rivoluzionaria che ha cambiato il mondo per sempre.

Ha accompagnato per venticinque anni, testimone attento e lucidissimo, l'evolversi delle nazioni un tempo nell'orbita dell'Unione Sovietica: compleanno importante per il Trieste Film Festival, evento dedicato al cinema dell'Europa orientale, che dal 17 al 22 gennaio celebra il suo primo quarto di secolo.

Mantenendo inalterata la formula che vede i vincitori delle tre sezioni del concorso - miglior lungometraggio, corto e documentario - determinati dal giudizio insindacabile di un pubblico cresciuto di anno in anno. Curiosità e attesa per gli undici lavori, tutti inediti per l'Italia, che si contendono il titolo di miglior film: partendo dall'ungherese Il Grande Quaderno di Jánosz Szász, ispirato alla Trilogia della città di K. di Ágota Kristóf, e arrivando al Vergogna del russo Jusup Razykov.

Anche Sky Arte HD partecipa al festival, collaborando alla sezione Arthouse in programma al Teatro Miela: sono tre i film in cartellone che sanciscono l'incontro tra cinema e grandi figure dell'arte contemporanea, mettendo in luce esperienze creative di straordinaria magia. A firmare Progetto cancro è lo sloveno Damjan Kozole, autore di un coinvolgente docufilm dedicato a Ulay, a lungo compagno e partner artistico di Marina Abramovi?.

Con Shirley - Visioni della realtà l'austriaco Gustav Deutsch gioca tra realtà e finzione, facendo dei quadri di Edward Hopper la chiave di lettura per entrare nella vicenda intima e privata della protagonista, misteriosa e affascinante attrice di teatro; Melting street invece, diretto dalla giovane regista istriana Ivana Hrelja, segue passo dopo passo l'azione performativa che ha portato l'artista triestina Elisa Vladilo a misurarsi con il tessuto urbano di Pola.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento