Tennis tavolo paralimpico, tre medaglie per il 14enne triestino Matteo Parenzan

Due bronzi e un argento per il triestino militante nel Kras di Sgonico e inserito nei progetti Italia e Tokyo 2020

Dopo l'importante titolo di campione italiano assoluto paralimpico classe 6 conquistato ad aprile 2017, il quattordicenne triestini Matteo Parenzan, militante nel Kras di Sgonico, conquista tre prestigiosi podi con la maglia azzurra agli Europei Giovanili Paralimpici di tennistavolo che si sono svolti a Genova dal 9 al 15 ottobre 2017.

Nelle gare individuali Matteo, dopo aver passato il girone di eliminazione, nei quarti ha avuto la meglio per 3 a 1 sullo svedese Olsson approdando in semifinale dove dopo una lunga battaglia ha ceduto al quinto set allo slovacco Vallach ottenendo così il bronzo

La giornata seguente nelle gare di doppio, a eliminazione diretta, Parenzan ha partecipato insieme all'atleta slovacco Vallach: agli ottavi hanno eliminato il doppio portoghese, nei quarti i quotatissimi (partiti come teste di serie) norvegesi per cedere solo in semifinale alla coppia Montenegro/Danimarca conquistando il bronzo. Nella competizione a squadre Parenzan ha partecipato sempre in coppia con l'atleta slovacco cedendo in finale alla coppia Slovenia/Serbia conquistando l'argento.

Matteo Parenzan è inserito nei progetti Italia e Tokyo 2020, si allena quotidianamente nella palestra di Sgonico e partecipa a tutti gli stage della nazionale italiana paralimpica di tennistavolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test Invalsi obbligatori per superiori e medie, ecco le date e i contenuti delle prove

  • Errore tecnico dell’Inps nel calcolo delle pensioni di dicembre e gennaio: ecco cosa fare

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • Frontale tra due auto sulla SP1: tre persone estratte dai Vigili del Fuoco

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

Torna su
TriestePrima è in caricamento