Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

L'estate è la stagione ideale del ragno violino, un aracnide di piccole dimensioni che spesso si rifugia nelle nostre case. Il suo morso è indolore, ma sarà velenoso? Scopriamo le sue caratteristiche, cosa fare e quali sono i sintomi dovuti alla puntura

Il ragno violino, o Loxosceles rufescens, è chiamato così proprio per la caratteristica macchia a forma di violino che ha sul corpo. Si tratta di un ragno di piccole dimensioni (tra i 7 e i 10 millimetri) di colore marrone, tendente al giallognolo. Normalmente è possibile trovarlo nei luoghi appartati e protetti, come per esempio i solai o le scarpe. Può anche accadere che il ragno si rifugi in casa e si nasconda all'interno di piccole crepe nel muro, fra le pietre, dietro ai battiscopa, sotto a mobili o scatoloni, oppure, come già accennato, all'interno di scarpe, indumenti o biancheria per la casa, come guanti, calze, lenzuola.
La sua stagione ideale è quella estiva, più calda ed afosa. Non si tratta di un insetto aggressivo, al contrario parliamo di un ragno che ha paura dell'essere umano, nella gran parte dei casi, infatti, chi viene sottoposto al suo morso è perchè "subisce" la difesa dell'insetto, che si sente per qualche motivo attaccato (come può accadere quando andiamo a cercare alcuni degli indumenti sopra indicati).

Il morso

Il suo morso, che è indolore ma al contempo molto velenoso, è difficile da percepire, i primi sintomi compaiono solamente dopo qualche ora o addirittura entro due giorni dalla puntura. I possibili sintomi possono essere irritazione, arrossamento, gonfiore, comparsa di eritemi, bruciore e formicolio, prurito, dolore di tipo urente, diminuzione della sensibilità nell'area colpita, febbre alta, nausea e vomito, brividi, mialgia e artralgia, mal di testa, emolisi e trombocitopenia. Nei casi in cui compaiano gli ultimi sintomi è meglio dirigersi verso una struttura ospedaliera per ricevere tutte le cure del caso (farmaci analgesici, oppioidi, farmaci corticosteroidi, antistaminici, trattamento chirurgico per rimuovere l'area necrotica).

Prevenzione e cura, come difendersi da un morso di zecca?

Cosa fare in caso di morso

  • lavare la ferita con acqua e sapone;

  • non applicare disinfettanti aggressivi;

  • comprimere l'area morsa e, se sono coinvolti arti, mantenerli sollevati;

  • evitare di incidere sul sito dove è presente il morso;

  • prestare attenzione alla comparsa di qualunque altro sintomo;

  • se i sintomi persistono, consultare un medico per la somministrazione di farmaci.

Come prevenire il morso

  • indossare qualcosa di protettivo quando si è in ambienti nei quali ci potrebbe essere l'incontro con il ragno violino;

  • fare attenzione quando si rimuovono ragnatele o tane di ragni;

  • non prendere mai il ragno violino a mani nude, come detto prima potrebbe sentirsi minacciato ed difendersi mordendo;

  • per rimuoverli o eliminarli dalle abitazioni è sempre meglio utilizzare scopa e paletta.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Gli effetti benefici dell'anguria, il frutto più atteso dell’estate

  • Mantenere le qualità nutrizionali del cibo, gli alimenti da lasciare fuori dal frigo

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento