Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

Migliaia di persone hanno accolto i feretri avvolti nella bandiera tricolore. Domani monsignor Giampaolo Crepaldi officerà la messa in onore dei due poliziotti uccisi nella sparatoria, da oggi, oltre che "figli delle stelle", anche della città giuliana

Migliaia di persone hanno assistito oggi pomeriggio all'arrivo delle salme di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i due agenti della Squadra Volante di Trieste uccisi lo scorso 4 ottobre all'interno della Questura giuliana. I corpi, avvolti dalla bandiera tricolore, sono arrivati poco prima delle 18 e sono stati portati a spalla dai colleghi nel famedio, dove è stata allestita la camera ardente. 

A rendere gli onori ai caduti della Polizia di Stato tutte le forze dell'ordine, assieme ai Vigili del fuoco del comando provinciale di Trieste, oltre ad una folta delegazione di sindaci del territorio. Visibilmente commossi i colleghi della Squadra Volante, stretti nell'abbraccio che la città intera riserverà ai due giovani agenti domani mattina. I funerali si terranno nella chiesa di Sant'Antonio Nuovo, dove monsignor Giampaolo Crepaldi officerà la messa in onore di Matteo e Pierluigi, da oggi, oltre che "figli delle stelle", anche della città giuliana.

Sparatoria: approvata mozione per cittadinanza onoraria agli agenti uccisi

7C0B8C1E-B05F-4260-A63E-0D7EEC3346FF-2

40B27C75-A919-4D33-B4D7-0D1F632982B0-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento