I grillini "attaccano" Dipiazza sul caso Tripcovich: "Esposto alla Procura per la permuta"

Così si sono espresse la capogruppo Elena Danielis e la consigliera Cristina Bertoni dopo il "caso" scatenato dal no ministeriale all'abbattimento dell'ex stazione delle corriere

"Per Dipiazza la Sala Tripcovich è equiparabile ad una buca o ad un cassonetto pieno di immondizie di Roma ma l'unico buco associabile alla Sala Tripcovich è quello di bilancio del Teatro Verdi, cui questa amministrazione ha sottratto lo storico edificio con una delibera ad alto rischio di violazione delle vigenti norme nazionali sulla permuta di beni in capo alle amministrazioni pubbliche". Il Movimento Cinque Stelle manda un chiaro messaggio all'amministrazione comunale in merito al "caso" dell'ex stazione delle corriere che ieri è salita "agli onori della cronaca" per il no ministeriale al suo abbattimento, decisione che ha mandato su tutte le furie il primo cittadino di Trieste. 

Il nodo "permuta"

Secondo i pentastellati "il diniego arriva in seguito ad un decreto emanato dal precedente ministro Alberto Bonisoli che riportava in seno al dicastero la decisione sull'abbattimento degli edifici di interesse storico-culturale" e non dal ministro Dario Franceschini. Per la consigliera Cristina Bertoni tutto sarebbe da ricondursi alla "richiesta di permuta tra la Sala Tripcovich, allora nel patrimonio della Fondazione Teatro Verdi, e il Magazzino delle Noghere, allora in proprietà al Comune, che lo stava affittando proprio al Teatro Verdi per la custodia delle scenografie". 

"Me ne andrei dall'Italia", Dipiazza furibondo contro Roma (VIDEO)

"Operazione contraria alle norme"

L'operazione, sempre sulla base della posizione dei grillini "era contraria alle norme che regolano la permuta" e "decisa in modo forzato dal sindaco". Il nodo in questione risiederebbe inoltre nella diversità dei due immobili e nell'ulteriore mancanza di una perizia che "certificasse quei valori". Per la Bertoni infatti, il valore del magazzino delle Noghere "sito in zona inquinata, era stimato a circa 3.200.000 euro, mentre quello della sala Tripcovich veniva stimato a circa 1.200.000".

"Esposto in Procura"

Secondo la capogruppo Elena Danielis la decisione del sindaco di abbattere un "edificio di grande valore storico e sociale risulta incomprensibile". La capogruppo ha concluso avanzando dei dubbi sulla legalità della permuta e annunciando l'esposto alla magistratura. "Non ha valore legale, in quanto è stata condotta tra due immobili di diversissimo valore, e quindi appare a realistico rischio di annullamento. Per questi motivi abbiamo consegnato un esposto a vari enti tra cui la Procura affinché siano condotti gli accertamenti del caso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Brutto incidente a Servola, quattro persone all'ospedale

  • Come coltivare in casa l'aloe vera, una pianta dai mille benefici

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Triestina-Cesena 4 a 1 | Le pagelle: poker servito, il Rocco: "Vi vogliamo così"

  • Gubbio-Triestina 2 a 0 | Le pagelle: brutta e senz'anima, Offredi affonda l'Unione

Torna su
TriestePrima è in caricamento