Rotonda del Boschetto: il platano abbattuto diventa una scultura

Il Verde Pubblico di Trieste ha reso noti i motivi che hanno obbligato all'abbattimento dell'albero secolare e quelle che sono state le decisioni in merito alla sua sostituzione: è stato individuato Coral Edoardo, scultore triestino molto apprezzato e conosciuto nel settore e nato e cresciuto nel rione di San Giovanni

foto di Diego Lima (Trieste Verde Pubblico)

Nel rione di San Giovanni, presso la Rotonda del Boschetto, si trovava un enorme esemplare di platano, ma negli ultimi anni, purtroppo, «nonostante le cure fornitegli - si legge sul sito del Verde Pubblico di Trieste -, l’esemplare incominciava a dare segni di sofferenza, manifestando del seccume in gran parte della sua chioma». Così nelle scorse settimane gli operai hanno tagliato l'albero, lasciandone però una buona perte del tronco intatta.

Nei giorni successivi in molti si sono chiesti cosa ne sarebbe stato di quel pezzo di legno e, iniziati i lavori di scultura, chi fosse la persone che lo stava scolpendo e quale sarebbe stato il risultato finale: «Per sopperire a tale perdita si stava valutando come e con che cosa sostituire l’esemplare e, allo stesso tempo, si cercava di dare una risposta alle numerose segnalazioni che molti cittadini, preoccupati per le sorti di quel platano, stavano inviando alla circoscrizione - spiegano dal Verde Pubblico -. Mentre si valutavano varie soluzioni al problema, era emersa l’idea di sfruttare il tronco dell’albero per ricavarne una scultura, in modo da non dimenticare quella pianta apprezzata da più generazioni. Poichè il sito aveva ospitato l’ultimo banchetto di quella che era un’attivita storica a Trieste, la vendita dei “Mussoli de scoio”, il tema per forza di cose doveva simboleggiare questa antica tradizione triestina».

«Dopo alcune ricerche, era emerso il nome Coral Edoardo, scultore triestino molto apprezzato e conosciuto nel settore e, coincidenza vuole, nato e cresciuto nel rione di San Giovanni - continua Gabriele Germani - (...) la consistenza del legno del platano che non si presta molto a lavorazioni di questo genere, Coral aveva pensato di rifiutare. Solo l’affetto che lo lega a Trieste, e a qulla zona della città in particolare, lo avevano fatto desistere (...) Le complicazioni Infatti non sono tardate ad arrivare: la pianta, essendo molto acquosa, tendeva continuamente ad espellere del liquido, e il suo legno, particolarmente duro e coriaceo, lo ostacolava nell’imprimergli la forma desiderata (...) cambiare più di una catena alla motosega che si rompevano a causa dei numerosi chiodi trovati conficcati nel fusto (...) spiegazioni che l’artista ha dovuto fornire a passanti preoccupati e incuruositi per le sorti di quella pianta».

Questo il propotipo della scultura (mentre nella foto in alto una delle ultime fasi della lavorazione).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

scultura rotonda del boschetto coral edoardo foto diego lima verde pubblico-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

Torna su
TriestePrima è in caricamento