“Chormopolis”, le mura del Pedocin diventano tela per i migliori writer triestini e ospiti

L’appuntamento per tutti quelli che vogliono seguire il work in progress è dal 1 al 5 novembre davanti al Pedocin, Molo Fratelli Bandiera, dalle 10 alle 17

Un luogo famoso e simbolicamente importante per Trieste è oggetto del primo restyling creativo di Chromopolis - la città del futuro, il progetto attraverso il quale il PAG - Progetto Area Giovani, in collaborazione con il Servizio Sport, intende riqualificare una serie di superfici murarie affidandosi alla creatività urbana.
Obiettivo: diffondere il messaggio che l’arte può restituire bellezza e significato ai luoghi con originali, sapienti e condivisi interventi artistici. Dal 1 al 5 novembre, la facciata esterna del muro perimetrale dello Stabilimento Comunale “alla Lanterna”, noto come “Pedocin”, sarà la tavolozza su cui si esprimeranno alcuni dei migliori streetartisti locali insieme ad altri artisti ospiti.

Con la direzione artistica dell'associazione Macross e di Mattia Campo Dall’Orto e ad opera delle associazioni Melart, Cadmio, Banda Larga e Art Backers, il muro “racconterà” Trieste, i suoi personaggi, i suoi luoghi e il mare, un elemento fisico che ha influenzato lo sviluppo e forgiato il “carattere” della città adriatica e di chi ci vive.
L’omogeneità dell’intervento sui 74 metri di sviluppo del muro, verrà data dalla scelta di una precisa palette cromatica che consentirà di evidenziare la varietà di stile di ognuno degli attori di questa kermesse culturale che coinvolge i giovani, ma che guarda alla città nei suoi più complessi aspetti.
Un “atto primo” che inaugura le azioni di un articolato progetto biennale, dove alcuni interventi sono già stati programmati, come quelli allo Stadio Nereo Rocco, e altri sono in fase di studio, come la mappatura di muri cittadini da affidare ad altri artisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Chromopolis - dice l’Assessore Rossi - è un percorso innovativo e complesso che tocca molte “sensibilità”, ma è anche un segnale di rinnovamento per i residenti e per i numerosissimi turisti che affollano le strade della città che potrebbero godere di prospettive inedite grazie alla creatività e alle nuove professionalità dei giovani coinvolti».
Molte le collaborazioni che si rinnovano, in particolare quelle generate da Artefatto, che ha lanciato la sua 12a edizione con un bando internazionale (scadenza 15 dicembre) per selezionare 4 streetartisti/e under 31 in vista di una residenza in città nella primavera del 2018.
E altrettante sono le collaborazioni con nuovi soggetti e realtà cittadine dove spiccano, in prima linea, le associazioni dei giovani accreditati al PAG_Progetto Area Giovani e la Edilmaster - Scuola Edile che coinvolge concretamente i suoi studenti in Chromopolis per risanare e predisporre le superfici dei muri oggetto degli interventi.
L’appuntamento per tutti quelli che vogliono seguire il work in progress, e in particolare per i ragazzi della città, è dal 1 al 5 novembre davanti al Pedocin, Molo Fratelli Bandiera, dalle 10 alle 17.
www.artefatto.info www.retecivica.trieste.it pag.comune.trieste.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus in Fvg: rallentano i contagi e i decessi, guarite 102 persone

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento