“Il Padre”: al Rossetti la commedia di Florian Zeller sulla perdita di autonomia e capacità mentali nell'anziano

  • Dove
    Politeama Rossetti
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 21/02/2018 al 25/02/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
foto di Giuliana Balbi

Dal 21 al 25 febbraio il Teatro Stabile regionale ospita al Politeama Rossetti lo spettacolo “Il Padre” di Florian Zeller con Alessandro Haber e Lucrezia Lante Della Rovere, una commedia contemporanea ed emozionante che accompagna gli spettatori fra commozione e ironia nella difficile realtà di chi, anziano, perde l’autonomia e capacità mentali.
L’Associazione de Banfield, realtà che da 30 anni è vicina agli anziani e ai loro famigliari, ha invitato l’attore Alessandro Haber e il direttore del Teatro Stabile Franco Però a far visita a Casa Viola, la prima realtà dedicata ai famigliari che assistono persone affette da Alzheimer e demenze senili. Un momento di incontro e di confronto su un tema importante e delicato quale la difficoltà di affrontare la trasformazione di un proprio caro a causa della demenza, portato in scena con grande delicatezza e maestria.

Ad accogliere Alessandro Haber e Franco Però è Maria Teresa Squarcina vicepresidente dell’Associazione de Banfield, «Siamo molto felici di questa visita. Per noi è un modo per poter ringraziare chi sta dando voce a tante persone che ogni giorno affrontano i problemi e le difficoltà di assistere un famigliare malato di demenze. Abbiamo voluto farlo proprio a CasaViola, lo spazio dedicato ai caregiver che l’Associazione de Banfield ha inaugurato un anno fa. Gli ammalati di demenza in Italia, secondo stime recenti, sono oltre un milione. L’Alzheimer, che costituisce la causa più frequente di demenza, affligge 600.000 persone nel nostro Paese.
A Trieste sono state stimate circa 5000 persone: circa l'80% dei malati, vive all'interno delle famiglie, che sopportano costi umani ed economici estremamente gravosi.
Nel 2017 de Banfield ha fornito servizi di aiuto a 1700 persone di cui più di 300 hanno una problematica legata alla demenza e Alzheimer.”

Casa Viola

CasaViola è nata un anno fa per essere un punto di riferimento per i familiari di persone con demenza, un luogo dove trovare informazioni, indicazioni, ma anche occasioni per prendersi una pausa dall’impegnativo lavoro di cura e condividere la propria esperienza con altri.
È uno spazio dedicato che permette ai caregiver di incontrarsi e confrontarsi con persone che vivono lo stesso disagio, e con professionisti della cura che sanno affrontare la problematica attraverso percorsi personalizzati.
Offre percorsi di formazione per contribuire ad aumentare le conoscenze e le competenze dei caregiver propone percorsi di informazione sui diversi aspetti della malattia e della sua evoluzione, nonché percorsi di formazione attraverso l’ApproccioCapacitante® e i gruppi di comunicazione ABC. 

Mensilmente propone inoltre conferenze sul benessere e la salute del malato e del suo caregiver tenute da vari esperti del settore, come “ Tè con l’infermiera” per affrontare insieme le difficoltà tecniche del caregiving, incontri con con il giurista per affrontare le problematiche di natura giuridica.
Attraverso i gruppi di auto-aiuto e colloqui di sostegno individuale con uno psicologo, i caregiver ricevono l’aiuto per sostenere il peso causato dall’assistenza che porta a vissuti d’ansia e di depressione e a prevenire gli stessi.

CasaViola si pone come centro al quale i caregiver possono rivolgersi per avere consulenza sociale e informazioni su servizi, diritti e opportunità per la gestione e cura dell’anziano a domicilio.
Vengono proposte settimanalmente attività mirate ad alleggerire il peso assistenziale con programmi dedicati al benessere psicofisico, come corsi di tecniche di rilassamento, consapevolezza corporea, laboratori di arte-terapia ecc.
CasaViola inoltre contribuisce alla ricerca e al dialogo scientifico in materia di Alzheimer caregiving, arricchendo il panorama di studi e conoscenze scientifiche sulla cura e l’assistenza ai malati DA insieme ad una partnership con Istituti di studi e ricerca.
In un anno le presenze registrate agli appuntamenti sono state circa un migliaio e tutti i corsi e incontri offerti sono completamente gratuiti.

Numerose indagini hanno riscontrato che prendersi cura di una persona affetta da demenza è stressante e che i caregiver di pazienti dementi accusano spesso disagio psicologico inteso come: ansia e/o depressione, deterioramento della salute fisica, isolamento sociale, diminuzione del tempo da dedicare ai bisogni personali e ad altri ruoli familiari, genitoriali e professionali.

Associazione De Banfield

Dal 1995 de Banfield si occupa del sostegno delle famiglie dei malati di Alzheimer o altra forma di demenza con servizi dedicati: consulenza specifica, gruppi di sostegno per familiari, consulenza legale, assistenza domiciliare, aiuto nelle pratiche burocratiche, servizi di respite care (sollievo alla famiglia con volontari). Dal 1995 ad oggi ha seguito circa 5000 famiglie.

Nel 2016, l'associazione de Banfield ha svolto una specifica indagine per misurare il carico soggettivo sperimentato da più di 100 caregiver di malati di Alzheimer e altre demenze che metteva ancora in luce la loro marcata difficoltà: dall’esperienza trentennale a fianco delle famiglie e dalla ricerca effettuata è nata l’idea di realizzare CasaViola, prima “casa” dedicata unicamente al sostegno di cura una persona con demenza e Alzheimer. Viola, come il colore internazionale dell’Alzheimer.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Al via la mostra di Escher: 200 opere al Salone degli Incanti

    • dal 18 dicembre 2019 al 7 giugno 2020
    • Salone degli Incanti
  • Muja Buskers Festival: gli artisti di strada nel segno di Leonardo (VIDEO)

    • dal 23 agosto 2019 al 25 agosto 2020
  • Barcolana, il mare in mostra in una collettiva alla Tribbio

    • dal 5 ottobre 2019 al 5 settembre 2020
  • John Butler in tour: al Rossetti la prima tappa

    • dal 29 aprile 2019 al 29 aprile 2020
    • Teatro Rossetti
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TriestePrima è in caricamento