Violenza a minorenne, Zilli (LN): «Inaccettabile delinquenza da richiedenti asilo»

«Come è possibile che un immigrato con gravi precedenti penali possa ancora essere libero sul territorio?»

«Come è possibile che un richiedente asilo con gravi precedenti penali possa ancora essere libero sul territorio?» a dirlo Barbara Zilli, consigliere regionale della Lega Nord, in riferimento al fatto di cronaca avvenuto a Trieste la scorsa notte, l’aggressione di una ragazza alla stazione da parte di un richiedente asilo.

«E’ inaccettabile che le nostre città non siano più sicure né di giorno né di notte – dice Zilli – ma ancor più lo è il fatto che non si prendano seri provvedimenti per sedicenti profughi che delinquono. Le regole valgono per tutti e devono essere rispettate. Imporre l’obbligo di non uscire di notte dalle strutture di accoglienza è un dovere ineludibile. Il problema al solito è relativo alla sicurezza: chi ce la garantisce, se le forze dell’ordine sono sempre di meno e i presidi territoriali vengono indiscriminatamente tagliati? Investire in uomini e risorse è fondamentale: non può esserci libertà senza sicurezza».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

Torna su
TriestePrima è in caricamento