Ricette tipicamente triestine, la jota

La jota è un piatto tipico della cucina del Friuli Venezia Giulia, del Litorale sloveno e dell'Istria. Si tratta di una ricetta antichissima della tradizione culinaria triestina, una pietanza nata come "piatto di recupero". Scopriamo come prepararla

La jota è un piatto tipico della cucina del Friuli Venezia Giulia, del Litorale sloveno e dell'Istria. Ricetta antichissima della tradizione culinaria triestina, questa pietanza nasce sicuramente come "piatto di recupero" adatto a tutta la famiglia. Si tratta, infatti, di una minestra, ottima soprattutto durante i mesi invernali, che nella più famosa versione triestina è a base di prodotti semplici e locali, cioè cavolo cappuccio, fagioli e patate. Solitamente viene insaporita con costine, cotenna o in genere carne di maiale affumicata e non, e semi di cumino. Preparare questa pietanza è semplice. Vediamo insieme come fare.

Ingredienti

  • 500 g di cavolo cappuccio acido;

  • 200 g di fagioli rossi;

  • 4 patate;

  • 2 foglie di alloro;

  • cumino;

  • 3/4 spicchi di aglio;

  • 2/3 salsicce fresche affumicate di Cragno o qualche costina di maiale affumicata;

  • 50 g di strutto;

  • 2 cucchiai di farina;

  • olio;

  • sale;

  • pepe;

  • brodo vegetale q.b.

Ricetta

La sera prima mettete i fagioli a bagno in acqua fredda. Fate scaldare in una pentola lo strutto e fate rosolare 2 spicchi di aglio schiacciati fino a portarli a doratura. Dopo eliminate l'aglio e ggiungete i cavoli cappuccio acidi coprendoli a raso con acqua. Aggiungete sale e pepe. Fate cuocere a fuoco lento per circa 1/2 ora. In un'altra pentola cucinate i fagioli, lavati, con il brodo vegetale e 2 foglie di alloro, a fuoco lento per 1 ora circa. Aggiungete le salsicce tagliate a pezzi e fate cuocere il tutto per altri 15 minuti. Pelate e tagliate le patate a pezzetti, aggiungetele al brodo di fagioli, e proseguire la cottura per ulteriori 20 minuti. Togliete dal fuoco e passare al setaccio metà dei fagioli e patate fino ad ottenere una purea omogenea. Aggiungete la purea ai cavoli cappuccio preparati in precedenza, unite il tutto ai fagioli in brodo. A parte, in un piccolo tegame, soffriggete i rimanenti spicchi di aglio schiacciati in 1-2 cucchiai di olio (o di strutto) ed eliminateli una volta che sono diventati dorati. Stemperate nell'olio (o nello strutto) la farina mescolando attentamente per evitare la formazione di grumi. A tostatura avvenuta aggiungete la farina alla minestra continuando a mescolare bene. Infine, insaporire con sale e pepe e servite la pietanza calda.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento