Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sicurezza

Pesticidi, residui di terra e polvere: i metodi naturali per lavare frutta e verdura ed evitare rischi per la salute

Quando compriamo frutta e verdura è possibile trovare residui di terra e polvere, oltre che la presenza di pesticidi. Il semplice lavaggio con acqua, infatti, non riesce ad eliminare tutte le sostanze chimiche. Scopriamo i metodi naturali da utilizzare per consumare i prodotti in modo sicuro

Quando compriamo frutta e verdura è possibile trovare residui di terra e polvere, oltre che la presenza di pesticidi. Il semplice lavaggio con acqua, infatti, non riesce ad eliminare tutte le sostanze chimiche, ma solo fino all'80%. Scopriamo dunque tutti i metodi naturali e cosa utilizzare per avere e mangiare un prodotto sicuro.

La frutta con la più alta e con la più bassa concentrazione di pesticidi

Come sappiamo la frutta e la verdura fa bene e deve essere assunta diverse volte a settimana, ma ci sono dei prodotti più a rischio rispetto ad altri. Tra questi troviamo le mele, il sedano, i peperoni, la pesca, le fragole, uva, spinaci, piselli, cetriolo, i mirtilli, le patate, fagioli, fave e cavoli.

Pur avendo un’alta concentrazione di sostanze chimiche, non dobbiamo rinunciare a questi alimenti, semplicemente è bene scegliere quelli provenienti da coltivazioni biologiche. Accanto a questi prodotti, però, ci sono quelli con minore quantità di pesticidi e quindi più sicuri come: cipolla, mais dolce, ananas, avocado, cavolfiore, asparagi, mango, melanzana, kiwi, melone, pompelmo, cocomero e funghi.

Come lavare la frutta e la verdura

Frutta e verdura biologica sono la soluzione ideale se vogliamo metterci a riparo dalle sostanze chimiche, ma in minima parte anche questi alimenti hanno residui di pesticidi. Per mangiare prodotti sani, dobbiamo imparare a lavarli. Vediamo come pulire frutta e verdura.

Lavare le verdure richiede tempo, soprattutto se è in foglie, ma è utile per eliminare possibili insetti, residui di terra e pesticidi. Per avere un prodotto sano dobbiamo semplicemente:

  • riempire una ciotola con acqua;
  • aggiungere un cucchiaio di sale e uno di aceto;
  • inserire le verdure;
  • lasciare in ammollo per 2 minuti;
  • strofinare con un pennello;
  • sciacquare con acqua corrente.

Discorso a parte meritano i funghi, per molti è meglio pulirli con un panno umido, ma per avere un alimento sano, meglio effettuare una pulizia più approfondita. Possiamo strofinare la superficie sotto acqua corrente con la spazzola per verdure e asciugarli tamponandoli con carta da cucina.

Spesso ci capita di mangiare la frutta con la buccia, anche se la laviamo accuratamente meglio non eliminarla solo se è di coltivazione biologica o certa, questo vale anche per la scorza degli agrumi che spesso sono i protagonisti di numerose ricette.

In ogni caso lavare la frutta e fondamentale, per quella a buccia liscia come ad esempio mele e ciliegie possiamo utilizzare una soluzione a base di acqua e bicarbonato. Per quanto riguarda le fragole e i frutti di bosco, invece, questi devono essere sciacquati semplicemente con l’acqua fredda poco prima di mangiarli, per evitare si crei umidità e quindi muffa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesticidi, residui di terra e polvere: i metodi naturali per lavare frutta e verdura ed evitare rischi per la salute

TriestePrima è in caricamento