Silenzio Assenzio: " Kennedite ? "

Oggi sarò meno originale di quanto già non lo sia.E  mi sono andato a risentire, per l’ennesima volta quella parte del discorso di Robert Kennedy del ’68 all’Università del Kansas.“Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale...

Oggi sarò meno originale di quanto già non lo sia.
E mi sono andato a risentire, per l'ennesima volta quella parte del discorso di Robert Kennedy del '68 all'Università del Kansas.
"Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni.
Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del prodotto nazionale lordo (PIL).
Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle.
Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini.
Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte.
Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago.
Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti.
Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi. Il Pil non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese.
Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere Americani".
Se non vi è piaciuto non importa.
Vi piacerà di più questo.
Migliora il deficit pubblico italiano: nei primi 9 mesi del 2012 il rapporto tra indebitamento netto e Pil è stato pari al 3,7%, in miglioramento dello 0,5% rispetto al 2011. Sale però, contemporaneamente, la pressione fiscale: nei primi 9 mesi del 2012 l'incidenza sul Pil è stata del 44,8%, dal 43,2% del 2011.
Ci avete mai pensato?
Ne dubito. E voi?
Non rimanete in silenzio.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Via Giulia, trovati due cadaveri in un appartamento

  • Un mare di meduse di fronte a piazza Unità, le rive invase da migliaia di esemplari

  • Tragedia a San Giovanni, padre e figlio morti da settimane nella stessa casa

  • Allerta meteo: in arrivo neve, ghiaccio e bora anche sulla costa

  • La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

  • Friuli Venezia Giulia in zona arancione da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento