Martedì, 22 Giugno 2021
Notizie dalla giunta

AMBIENTE: APPROVATO LO SCHEMA DI CONVENZIONE CON UNIONCAMERE PER I CONTRIBUTI ALLE PMI

Trieste, 26 agosto - È stato approvato oggi dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell'assessore all'Ambiente Sara Vito, lo schema di convenzione che delega a Unioncamere FVG - che agirà per il tramite delle Camere di Commercio (CCIAA) regionali - le funzioni di gestione dei contributi finalizzati alla realizzazione delle diagnosi energetiche nelle Piccole e Medie Imprese (PMI) e di quelli riservati all'adozione, nelle aziende, dei sistemi di gestione dell'energia conformi alle norme ISO 50001.

Si tratta di circa 600.000,00 euro, di cui 300.000,00 da parte della Regione e 298.500,00 stanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), che sono indirizzati alle PMI per ridurre i consumi di energia, abbattendo i costi e apportando così un concreto beneficio all'ambiente.

In pratica lo schema di convenzione approvato determina le azioni delegate a Unioncamere FVG, fra le quali: la pubblicazione della modulistica, la fissazione dei termini di presentazione delle domande, la ricezione delle richieste di incentivo, la predisposizione delle graduatorie e la liquidazione del contributo, oltre all'effettuazione delle ispezioni e dei controlli previsti.

Sempre a Unioncamere FVG viene delegato il riparto delle risorse fra i quattro Enti camerali della regione. Un procedimento, questo, che verrà operato in proporzione al numero delle imprese iscritte al Registro di ciascuna CCIAA alla data del 31 dicembre dell'anno precedente al riparto.

L'indennità di gestione trattenuta dall'organismo associativo delle CCIAA provinciali per adempiere a tutte le funzioni previste dalla convenzione, la cui durata è di 36 mesi, ammonta a 50.000,00 euro.

In base alle legge regionale di Stabilità 2016 i contributi alle imprese per questo tipo di interventi rispettano i seguenti criteri: le diagnosi energetiche ammesse sono finanziate nella misura massima del 50 per cento delle spese ammissibili, fino a un massimo di 5.000,00 euro al netto di IVA, mentre le procedure di attuazione di un sistema di gestione conforme alla norma ISO 50001 selezionate vengono sostenute nella misura massima del 50 per cento delle spese ammissibili, in questo caso fino a un limite di 10.000,00 euro sempre al netto di IVA.

ARC/GG/ppd



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

AMBIENTE: APPROVATO LO SCHEMA DI CONVENZIONE CON UNIONCAMERE PER I CONTRIBUTI ALLE PMI

TriestePrima è in caricamento