rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Notizie dalla giunta

Ambiente: Scoccimarro, rafforzare vigilanza ambientale ciclo rifiuti

Udine, 22 giu - Dal primo settembre, le competenze in materia di vigilanza ambientale svolte dal Nucleo operativo per l'attività di vigilanza ambientale (Noava) saranno trasferite dalla Direzione Risorse agroalimentari, forestali, ittiche e montagna alla Direzione centrale Difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile. Lo ha annunciato l'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente Fabio Scoccimarro intervenuto oggi a Udine al seminario "Vigilanza e controllo in materia di rifiuti. Innovazione e semplificazione" rivolto ai Corpi di polizia municipale e ai tecnici ambientali. "La Regione ha convintamente imboccato la via dell'economia circolare e della transizione ecologica che include un rafforzamento dei controlli sulla produzione e gestione dei rifiuti - ha detto Scoccimarro -; un percorso idoneo a garantire un adeguato presidio di controllo ambientale è quello che passa attraverso una stretta connessione tra processo autorizzatorio e attività di vigilanza ed è puntando in questa direzione che si è scelto di trasferire alla Direzione centrale difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile, il Noava per tutta l'attività di controllo". Centrale in questa visione è la condivisione di dati e informazioni, obiettivo a cui mira il Protocollo d'intesa per la legalità tra la Regione, l'Albo nazionale gestori ambientali, la Camera di commercio Venezia Giulia, la Procura della Repubblica di Pordenone, le Polizie locali di Trieste, di Gorizia e di Povoletto, la Direzione marittima di Trieste e il Nucleo operativo ecologico Carabinieri di Udine firmato lo scorso maggio a Trieste. "Il mondo delle imprese invoca da tempo e da più voci una politica del controllo ambientale che non sia finalizzata alla sola azione repressiva conseguente alle violazioni accertate, ma volta anche ad assicurare una vigilanza attenta sulle situazioni di illiceità che provocano fenomeni distorsivi del mercato - ha affermato Scocimarro -. Ciò è necessario a tutela della regolare concorrenza affinché chi opera nel rispetto delle regole non sia penalizzato da chi opera con minori costi derivanti da pratiche scorrette, rendendo il tessuto economico e sociale, già precario per la situazione congiunturale, ancora più fragile e minato dal rischio che gli spazi di mercato resi più 'convenienti' diventino di interesse per chi opera al di fuori della legalità". Il seminario ha offerto un approfondimento sulle principali novità introdotte dal decreto legislativo 116/2020 che ha recepito le direttive europee sull'economia circolare, rovesciando la visione della gestione rifiuti da un sistema lineare ad uno circolare che comprende il riciclo dei rifiuti e il mercato delle materie prime secondarie. In particolare sono state approfondite le funzionalità della nuova applicazione fornita dall'Albo nazionale gestori ambientale agli organi di controllo e vigilanza che consente di accedere in modo rapido e semplice alla banca dati dell'Albo. Con l'accesso è possibile acquisire in tempo reale ogni utile informazione necessaria per l'attività di accertamento sul trasporto di rifiuti e per l'eventuale attività sanzionatoria. ARC/SSA/ma


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiente: Scoccimarro, rafforzare vigilanza ambientale ciclo rifiuti

TriestePrima è in caricamento