Autonomie locali: Panontin, ok Cal a fondo per le criticità

Udine, 29 agosto - Parere unanimemente favorevole è stato espresso dal Consiglio delle autonomie locali (Cal) rispetto a due provvedimenti della Giunta regionale, approvati in via preliminare dall'Esecutivo, che riguardavano il sistema degli enti locali.

Presentati dall'assessore regionale alle Autonomie locali, Paolo Panontin, erano entrambi rivolti ai Comuni e alle Unioni territoriali intercomunali.

Ha ricevuto l'approvazione unanime da parte dei 15 consiglieri del Cal presenti, il regolamento per l'assegnazione del fondo per il concorso agli oneri correnti di Comuni e Uti derivanti da accadimenti di natura straordinaria, imprevedibile, e non ripetibili.

Tale iniziativa, che è stata accolta con particolare favore da parte dei componenti del Cal, come ha specificato Panontin, intende dare ristoro a situazioni di criticità, alle quali i Comuni e le Uti potrebbero andare incontro e che non siano di competenza della Protezione civile né di altri settori e norme regionali attinenti al sistema delle autonomie.

In particolare, ha anticipato l'assessore, tale fondo disporrà di 605mila euro per il 2017, 980mila per il 2018 e 1,28 milioni di euro per il 2019. Per ciascuna richiesta non potranno essere assegnati più di 100mila euro.

Il regolamento approvato determina i criteri e le modalità per la presentazione delle domande da parte dei Comuni e delle Uti, mentre la rendicontazione della somma percepita dovrà essere consegnata alla Regione entro il 31 dicembre dell'anno successivo.

Parere favorevole all'unanimità ha ottenuto anche il secondo regolamento approvato in via preventiva dalla Giunta regionale su proposta di Panontin: riguarda modifiche al regolamento, che era già stato precedentemente esaminato dal Cal, concernente l'articolazione, le modalità e i termini di iscrizione nell'elenco regionale dei revisori dei conti degli enti locali, le modalità di tenuta e di aggiornamento dello stesso elenco, le modalità di sorteggio per l'assegnazione degli incarichi, nonché le cause di esclusione, di cancellazione e di sospensione dall'elenco.

Adegua questo strumento a modifiche sopravvenute a livello nazionale e aggiorna, in particolare, la gestione dell'elenco, la nomina del collegio dei revisori dei conti e il programma formativo previsto per tali figure professionali.

Aggiornamenti che, ha precisato l'assessore, sono stati ampiamente valutati assieme alle rappresentanze di categoria e ai portatori di interesse.

Panontin ha ricordato che, in questi anni, agli organi dei revisori dei conti è stato richiesto un impegno ben maggiore rispetto ai compiti che essi svolgevano in precedenza.

L'obiettivo che la Regione ora si pone è quello di fare in modo che i revisori dei conti del sistema delle autonomie siano partecipi della gestione finanziaria degli enti locali.

Sempre in tema di revisori dei conti degli enti locali, il Cal ha infine rinviato alla prossima seduta l'espressione del parere sulla determinazione del compenso annuo spettante.

E ha rinviato anche la designazione di due rappresentanti del Consiglio delle autonomie nel Comitato regionale del volontariato. ARC/CM/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Porto vecchio: Fedriga, accordo fondamentale per attrarre investimenti

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

  • Covid: Riccardi, da 8/3 potenziati vaccini over80 in Asugi Asufc Asfo

Torna su
TriestePrima è in caricamento