Consorzi: Bini, priorità è spendere risorse già disponibili

Udine, 19 mar - "I consorzi stanno lavorando molto bene e c'è una forte apprezzamento delle imprese per il lavoro svolto; ma adesso la priorità è spendere le risorse già disponibili e portare a compimento le opere programmate".

È questo in sintesi il messaggio che l'assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, ha rivolto oggi ai rappresentanti dei Consorzi di sviluppo economico locale che hanno partecipato ad un incontro formativo sulle linee contributive attive e in fase di attivazione, sulle azioni di coordinamento e sulle iniziative regolamentari connesse alla LR3/2015 "Rilancimpresa". All'incontro erano presenti i direttori di Consorzio di sviluppo economico locale di Gorizia, Consorzio del Monfalconese, Consorzio del Friuli - Cosef, Consorzio Ponte Rosso - Tagliamento, Consorzio di Tolmezzo, Nucleo di industrializzazione della provincia di Pordenone - Nip e Consorzio dell'area giuliana.

"C'è un'ottima collaborazione tra assessorato e Consorzi come dimostra il continuo e reciproco confronto che ha portato la Regione ad accogliere alcune istanze provenienti dagli enti economici. Mi riferisco in particolare alla norma inserita nella proposta di legge 26 che prevede la possibilità di estendere le zone D1 senza ricorrere ad una variante urbanistica, pur mantenendo la condivisione del provvedimento con i consigli comunali; così come al mantenimento del numero di cinque componenti nei consigli di amministrazione".

Accanto all'enfasi per le proposte condivise e accolte dalla Regione, Bini ha però evidenziato la necessità di aprire una riflessione sulle risorse disponibili e non ancora spese poiché "il sottoutilizzo delle risorse assegnate è un problema che va affrontato".

"Comprendo - ha precisato Bini - che le procedure siano complesse, ma proprio per questo è necessario porre attenzione alla programmazione della spesa adottando una visione triennale che eviti la sovrapposizione dei progetti ed il rischio di ricorrere a continue proroghe".

Nell'ultimo biennio la Regione ha assegnato ai Consorzi risorse complessive per oltre 18 milioni di euro. Di queste 4,6 milioni per opere di urbanizzazione (con 3 iniziative attivate su 23 previste); 8,2 milioni per infrastrutture locali (con un'iniziativa avviata su 6 previste); 5,5 milioni per opere puntuali (con 2 iniziative avviate su 4 previste).

Sul fronte delle linee contributive rivolte alle imprese, invece, in particolare per i contratti di insediamento, nel 2019 sono pervenute 24 domande di cui 19 accolte a fronte di 8,3 milioni di contributi per un volume di investimenti stimato di 40,3 milioni di euro ed un impatto occupazionale di 131 assunzioni previste. La graduatoria è in fase di approvazione e le risorse regionali attualmente disponibili ammontano a 4,5milioni di euro. ARC/SSA/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, con Legno Vivo nuovi percorsi formazione artigiani

Torna su
TriestePrima è in caricamento