Coronavirus: meeting virtuale per le imprese Fvg su accesso al credito

Lo ha promosso l'Agenzia Lavoro&SviluppoImpresa della Regione

Trieste, 27 mar - Un meeting virtuale con il panel di aziende dei cluster e con i soggetti coinvolti nella stesura del piano strategico di Agenzia Lavoro&SviluppoImpresa della Regione è stato organizzato oggi in videoconferenza per illustrare le misure a disposizione delle imprese del Friuli Venezia Giulia per fronteggiare l'emergenza Coronavirus, in particolare sul nodo dell'accesso al credito. I partecipanti - imprese e stakeholder - hanno potuto ascoltare in videoconferenza una ricapitolazione delle misure nazionali e regionali che permettono di ottenere il supporto pubblico in un periodo di grande difficoltà e rivolgere quindi domande agli esperti in una chat simultanea.

Il confronto di oggi si è concentrato su uno dei filoni più stringenti dell'emergenza: la necessità di garantire liquidità al sistema produttivo, una delle tre linee di azione prioritaria evidenziate dall'Agenzia insieme alla garanzia degli ammortizzatori sociali e del mantenimento delle imprese regionali sul mercato, come ha spiegato in introduzione la direttrice generale Lydia Alessio-Vernì. Diego Angelini della direzione centrale regionale Attività produttive e Giorgio Candusso di Banca Mediocredito FVG spa hanno risposto in tempo reale ai quesiti posti in chat dalle imprese, fornendo delucidazioni e sciogliendo dubbi.

Visto il successo riscontrato, il meeting virtuale - svoltosi oggi in via sperimentale - sarà riproposto la prossima settimana con la partecipazione di Invitalia, l'Agenzia nazionale per lo sviluppo, di proprietà del ministero dell'Economia.

L'incontro odierno si è focalizzato sulle opportunità di finanziamento e di garanzia di natura eccezionale decise dalla Giunta regionale in applicazione alla legge regionale 3/2020, talora maggiorando le opportunità offerte dalle recentissime misure di carattere nazionale. Tra i punti di particolare interesse, è stato ricordato che la Regione ha previsto la possibilità di sospensione del pagamento di due rate dei mutui di finanziamento alle imprese anche oltre la scadenza del 30 settembre fissata dal decreto-legge 18 dello scorso 17 marzo. La sospensione nazionale, è stato ricordato, riguarda mutui e leasing ed è dovuta e non discrezionale da parte delle banche, in presenza dei requisiti, mentre la moratoria Abi (Associazione bancaria italiana), in vigore dal marzo 2019, è richiedibile a prescindere dalla crisi ma soggetta a valutazione dell'istituto di credito.

Per quanto riguarda la concessione di finanziamenti e garanzie della Regione, è stato sottolineato che le procedure saranno ulteriormente semplificate per le imprese. Gli esperti hanno consigliato ai rappresentanti delle aziende di sfruttare le opportunità offerte dal sistema dei Confidi, i quali, grazie al potenziamento delle garanzie deciso dalla Regione, hanno visto un innalzamento della copertura di garanzia.

Al temine della videoconferenza corredata dalla chat, i partecipanti al meeting virtuale hanno potuto prendere parte a singole "room" per approfondire in gruppi ristretti i temi di maggiore interesse specifico emersi dall'incontro. ARC/PPH/al



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Enti locali: Roberti, presto norma per facilitare assunzione personale

  • Barcolana 2020: Fedriga, dal mare una sfida ai grandi eventi

  • Lingue minoritarie: Roberti, Regione attenta futuro Radio Capodistria

  • Maltempo: Zannier, in fase avanzata interventi eseguiti da Regione

  • Prot. civile: Riccardi, ok progetto per nuovi giovani e promozione 112

  • Salute: Riccardi, procede iter passaggio Sagrado distr. Basso Isontino

Torna su
TriestePrima è in caricamento