Coronavirus: Pizzimenti, primo Prezziario oneri sicurezza in emergenza

Udine, 8 mag - Su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e territorio Graziano Pizzimenti, la Giunta regionale ha approvato l'appendice al Prezziario regionale 2019, con 21 nuove voci che vanno a implementare il Prezziario Regionale dei Lavori Pubblici già divulgato per l'anno in corso.

"La scelta di ricorrere a un'appendice di quello del 2019 - spiega l'assessore Pizzimenti - anziché a un aggiornamento per il 2020, deriva dalla volontà di mettere subito a disposizione dei tecnici e delle imprese del settore delle costruzioni uno strumento fondamentale per consentire la ripartenza dei cantieri attualmente sospesi a causa dell'emergenza epidemiologica".

"La revisione dell'intero Prezziario - aggiunge Pizzimenti - composto da diverse migliaia di voci, avrebbe comportato diversi mesi di lavoro, ma l'attenzione che la Giunta regionale ha sempre riservato alle opere pubbliche, e ancor più all'esecuzione dei lavori nelle imprescindibili condizioni di sicurezza per le maestranze, ha consigliato l'approvazione con assoluta urgenza di uno specifico allegato al Prezziario 2019, riguardante gli adempimenti relativi all'emergenza Covid-19".

"Infatti - evidenzia Pizzimenti - la Regione Friuli Venezia Giulia è tra le primissime in Italia a dotarsi di tale strumento, che era richiesto e atteso con impazienza dalle stazioni appaltanti, dalle imprese e dagli Ordini e Collegi dei tecnici del settore".

Il nuovo Prezziario consentirà di aggiornare i computi metrici degli oneri per la sicurezza delle opere in corso di esecuzione e di quelle in fase di progettazione, nel rispetto delle procedure e dei contenuti dell'Allegato 7 "Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del Covid-19 nei cantieri" al Dpcm del 26 aprile 2020".

La normativa vigente attribuisce alla Regione le funzioni di promozione della realizzazione di lavori pubblici di interesse regionale e locale, mediante una serie di attività di supporto, tra cui la consulenza finalizzata all'approfondimento e all'uniformità degli indirizzi interpretativi e, appunto, la definizione di un Prezziario. La prima edizione di questo documento è stata realizzata nel 2003 mentre l'ultima nel 2019.

Il tavolo tecnico allargato, che ha fornito la consulenza per la stesura del nuovo Prezziario, è composto, tra gli altri, da Unioncamere, Ance, Anci, Federazioni regionali degli ordini e collegi professionali del Friuli Venezia Giulia, Confartigianato Fvg e Confapi Fvg.

"Le nuove modalità esecutive dei lavori, dopo una prima inevitabile fase di assestamento - ha spiegato Pizzimenti - diverranno in tempi brevi una consuetudine, senza peraltro causare un rallentamento della produttività".

Sul sito internet della Regione, nella pagina dedicata, sarà possibile consultare il Prezziario anche online. La Direzione centrale Infrastrutture sarà inoltre disponibile a fornire tutte le indicazioni e i chiarimenti necessari. ARC/CM/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento