Coronavirus: Roberti, modifica programma Festa della Patria del Friuli

Udine, 13 giu - Su proposta dell'assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, la Giunta regionale ha approvato la modifica del programma delle manifestazioni culturali previste dal 2020 al 2022 per celebrare la Festa della Patria del Friuli.

"A seguito dell'emergenza sanitaria, per ragioni organizzative e di gestione efficiente delle risorse finanziarie stanziate, la Regione - spiega Roberti - ha ritenuto necessario modificare il programma per la realizzazione di manifestazioni culturali che vengono sostenute dalla Regione tramite l'Arlef. In accordo con il Comune di Udine è così stato deciso l'annullamento della manifestazione principale per la Festa della Patria del Friuli, che era stata originariamente prevista per il 5 aprile ed era stata successivamente rinviata al 7 giugno. Di conseguenza - aggiunge Roberti - il contributo concesso al Comune di Udine di 10 mila euro sarà revocato e sarà concesso un nuovo contributo, in applicazione delle regole generali di riparto previste per i restanti Comuni".

"Nel contempo - conclude l'assessore - restano confermati i contributi già concessi ai Comuni, pari complessivamente a 34 mila 450 euro, destinati a finanziare, rendendo partecipi soprattutto le generazioni più giovani le iniziative volte a far conoscere e approfondire la lingua, la storia e la cultura friulane quali fondamenti dell'identità friulana; le iniziative tese a far conoscere la letteratura friulana e il mondo dell'editoria; le rappresentazioni teatrali e i concerti musicali e altri spettacoli e l'acquisto e la diffusione di bandiere del Friuli conformi a quanto previsto dalle normative regionali".

Il termine ultimo per la realizzazione di tali attività viene prorogato al 31 dicembre 2020.

Le eventuali economie delle risorse stanziate saranno destinate all'acquisto di bandiere del Friuli da distribuire agli enti locali e agli altri enti del territorio.

Con lo stesso provvedimento, la Giunta regionale ha confermato lo stanziamento di 10 mila euro destinato all'Arlef per azioni di promozione della Fieste de Patrie attraverso i media e in particolare tramite la realizzazione di un video promozionale che sia riutilizzabile anche nelle prossime annualità.

La Regione ha inoltre stabilito che per organizzare al meglio le prossime edizioni della Festa, e tenuto conto della necessità di recuperare la manifestazione originariamente prevista per quest'anno a Udine, nonchè del criterio dell'alternanza, è stato deciso che nel 2021 l'evento principale si terrà nel capoluogo friulano, nel 2022 in Comune di Vito d'Asio, nel 2023 in Comune di Capriva del Friuli. ARC/CM/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Turismo: Bini, Pordenone Calcio a Lignano aumenterà attrattività

  • Prot. civile: Riccardi, orgogliosi per aiuto comunità Castelsantangelo

  • Ambiente: Scoccimarro, lavoriamo per una regione sempre più verde

  • Montagna: Zilli, proposte sostenibili del territorio per rilancio

  • Covid: Riccardi, piano pandemico Asugi rafforza ospedali e territorio

  • Lavoro: Rosolen, da Governo misure più efficaci contro sfruttamento

Torna su
TriestePrima è in caricamento