Croce Rossa: domani bandiere in sedi Regione per giornata mondiale

Il grazie del governatore Fedriga all'attività dei volontari Fvg

Trieste, 7 mag - La Regione esporrà domani nelle sue varie sedi istituzionali del Friuli Venezia Giulia la bandiera della Croce Rossa, simbolo universale della missione sanitaria. L'8 maggio infatti ricorre la giornata mondiale della Croce Rossa Internazionale e dell'impegno quotidiano dei suoi Volontari per il prossimo.

Con questo gesto la Regione intende rendere omaggio alla prestigiosa istituzione imparziale, neutrale e indipendente, impegnata in prima linea nei teatri di crisi mondiali come nel nostro Paese, ricordando al contempo l'importanza del volontariato e il prezioso ruolo degli operatori del soccorso. Questi fondamentali valori universali assumono oggi, in un contesto pandemico legato all'emergenza coronavirus, un significato ancor più attuale e rilevante, che ricordano come la solidarietà e l'aiuto reciproco siano principi da coltivare sempre con costanze e perseveranza. Inoltre la giornata mondiale della Croce rossa internazionale rappresenta l'occasione per rilanciare l'appello per la protezione e il rispetto - in ogni circostanza - di tutti i soccorritori e delle strutture sanitarie.

Nata 161 anni fa in uno scenario di guerra, per aiutare indipendentemente e universalmente chiunque fosse ferito durante la battaglia, oggi la Croce Rossa è una organizzazione di pace e soccorso in tutto il mondo, con milioni di volontari. Anche la Croce Rossa del Friuli Venezia Giulia opera quotidianamente per le nostre Comunità grazie all'impegno dei suoi 3500 Volontari e molti sostenitori.

"Quello svolto dal comitato regionale della Croce Rossa e dai suoi tanti volontari - spiega il governatore Massimiliano Fedriga - è sempre stato un lavoro prezioso, compiuto con discrezione e lontano dai riflettori. Oggi questa situazione di pandemia che ha colpito anche il Friuli Venezia Giulia porta alla luce del sole un'attività di estrema importanza e di inestimabile valore per la nostra collettività regionale. Per questo motivo non ci stancheremo mai di ringraziare tutte queste persone che, giornalmente, spendono parte del loro tempo per dare il proprio sostegno al prossimo".

Per l'emergenza Covid-19, i volontari del Friuli Venezia Giulia prestano assistenza alle persone sole e over 65 ma anche a quanti si trovano in quarantena-Covid positive; a queste ultime consegna viveri e farmaci a domicilio, sia quale attività gratuita di esecuzione delle commissioni, sia come attività di consegna di pacchi viveri e beni di prima necessità per le situazioni di criticità economica.

Inoltre i volontari svolgono l'attività di monitoraggio sanitario agli accessi degli ospedali pubblici della Regione, con funzione di accoglienza e primo screening Covid con presenza h24. A loro è anche affidato il monitoraggio della temperatura corporea agli ingressi delle sedi istituzionali pubbliche. La squadra regionale della Cri Fvg appartenente al Reparto di Salute pubblica è impegnata poi nei trasporti ad alto biocontenimento sull'intero territorio nazionale e svolge anche attività di sportello per il supporto psicologico della popolazione attraverso numeri unici CRI di riferimento.

In occasione dell'avvio del monitoraggio sierologico della popolazione in programma nei prossimi giorni, su accordo nazionale con il ministero della Salute, il comitato regionale Cri Fvg gestirà il call center di contatto con la popolazione, dando un supporto logistico e di aiuto nei punti di prelievo fissati dalla Sanità regionale. Tutto ciò va ad aggiungersi ai servizi ordinari nei settori d'attività convenzionali con il Sistema sanitario regionale. ARC/AL/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento