Martedì, 22 Giugno 2021
Notizie dalla giunta

Cultura: Giunta Fvg aderisce a "Un libro lungo un giorno"

Udine, 25 ott - L'Esecutivo del Friuli Venezia Giulia ha aderito alla sesta edizione di "Un libro lungo un giorno", giornata regionale dedicata a letture e racconti ad alta voce in ogni angolo del territorio e a qualunque ora. L'apertura ufficiale, così come proposta dall'assessore alla Cultura, Tiziana Gibelli, è avvenuta oggi a Udine, poco prima dell'inizio dell'odierna seduta di Giunta, quando ogni componente ha letto qualche passo di un libro scelto.

"È fondamentale - ha affermato Gibelli - diffondere l'esigenza dell'essere umano di leggere fin dalla più tenera età. Quando ero bambina avere libri in casa era considerata una fortuna, ora per i nostri ragazzi non dovrebbe esserlo più ma, al contrario, temo lo sia ancora; per questo dobbiamo cercare di far capire, anche attraverso quest'iniziativa, l'importanza della lettura come strumento di crescita culturale e sociale della collettività".

"Memorie del cardinale di Retz" è stato il testo preferito da Gibelli che ne ha motivato la scelta indicando come "si tratta di un manuale di pratica politica scritto dopo la metà del '600 di straordinaria attualità".

"Umanità al tramonto. Critica della ragion tecnica" di Luigi Iannone è stato invece il volume identificato da Sebastiano Callari che l'ha definito "una riflessione sulle nuove tecnologie e sul mondo digitale che impattano molto sulla politica, prefigurando una nuova cittadinanza e una nuova illusione di una maggiore rappresentanza nella vita pubblica. È un messaggio soprattutto ai giovani che devono interfacciarsi con il tema della rappresentanza guardando ai rischi di un neo-totalitarismo che utilizza il web per ridurre gli spazi di democrazia e libertà di pensiero, un patrimonio della civiltà occidentale con cui noi tutti siamo cresciuti".

Stefano Zannier, ha proposto "Il Principe" di Macchiavelli, mentre il collega Graziano Pizzimenti si è focalizzato su "Marcello D'Olivo architetto" con l'intento di "valorizzare uno dei migliori architetti del Friuli Venezia Giulia e il patrimonio edilizio del nostro territorio".

Barbara Zilli ha letto un passo di "Voglio scrivere una poesia" di Bernard Friot e Arianna Papini, "un testo illustrato in modo originale che ho scelto perché la nostra vita è costellata da materialità e leggere un libro come questo ci aiuta a fermarci e a ricordarci il valore dei sentimenti e dell'immaginazione". "L'utilità dell'inutile. Manifesto di Nuccio Ordine" è stato invece il volume che ha proposto Fabio Scoccimarro, mentre Alessia Rosolen ha portato "Lo scrittore italiano" di Berto Ricci, "una delle più belle pagine scritte sui giovani", ed "Enrico Quarto" di William Shakespeare "perché contiene una delle più belle dichiarazioni d'amore mai scritte".

Sergio Emidio Bini, invece, ha optato per "La bellezza disarmata' di Julian Carron che propone gli elementi essenziali della riflessione svolta da don Julián Carrón a partire dal 2005, anno della sua elezione a presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, "un volume che offre una riflessione sui temi legati agli spazi di libertà e di convivenza in una società pluralistica".

Pierpaolo Roberti ha condiviso il libro più amato da sua figlia, "Teddy fa la nanna", mentre "Cosmo-nauti viaggi obliqui fra luna, terra e autismo" di Renata Di Bella e Rosanna Pravisano sono i racconti scelti da Riccardo Riccardi.

Un libro lungo un giorno si svolge nell'ambito del progetto LeggiAMO 0/18 proposto dalla Regione Friuli Venezia Giulia, in partnership con Consorzio culturale del Monfalconese, Damatrà onlus, Ufficio scolastico regionale, Aib, Associazione culturale pediatri e Centro per la salute del bambino. Un libro lungo un giorno è patrocinato da Anci Fvg. Ha aderito all'iniziativa anche il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia. ARC/LP/fc



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura: Giunta Fvg aderisce a "Un libro lungo un giorno"

TriestePrima è in caricamento