Cultura: Regione, pordenonelegge è festival tra più importanti Italia

Pordenone, 16 set - La Regione è orgogliosa del coraggio con cui il festival pordenonelegge ha affrontato un periodo complesso e non esente da rischi.

Lo ha evidenziato l'assessore regionale alla Cultura all'inaugurazione della ventunesima edizione di pordenonelegge, rimarcando come pordenonelegge sia il soggetto di produzione culturale che, nel suo ambito, è diventato tra i più importanti in Italia. La capacità di rinnovamento, creatività e propositività che Pordenone ha saputo imprimere nel settore dei festival letterari ha raggiunto, e talvolta superato, - ha sottolineato l'espondente della Giunta - manifestazioni di più lungo corso.

La creatività ha permesso - è stato rilevato - di superare le restrizioni imposte dal Covid nell'organizzazione e di coinvolgere e ampliare una platea di fruitori ancora diversa.

L'appuntamento inaugurale al Teatro Verdi, alla presenza anche del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all'Informazione e Editoria, è stato affidato alla lezione magistrale dello psicoanalista e saggista Massimo Recalcati, che firma per Einaudi "Il gesto di Caino", presentato in anteprima a Pordenone.

Ha aperto quindi nel segno di una riflessione sulla "fratellanza" l'edizione 2020 del festival che da oggi a domenica si svolge nel cuore della città e in 7 comuni del pordenonese, con 120 incontri in cinque giorni (una settantina dei quali fruibili via diretta streaming da qualsiasi latitudine), e con oltre 250 protagonisti. ARC/EP/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Prot. civile: Riccardi, orgogliosi per aiuto comunità Castelsantangelo

  • Ambiente: Scoccimarro, lavoriamo per una regione sempre più verde

  • Montagna: Zilli, proposte sostenibili del territorio per rilancio

  • Salute: Riccardi, funzioni Usca siano costanti in residenze anziani

  • Lavoro: Rosolen, da Governo misure più efficaci contro sfruttamento

  • Ict: Callari, senza regole intelligenza artificiale genera ingiustizie

Torna su
TriestePrima è in caricamento