Notizie dalla giunta

Ddl omnibus: regole più stringenti per incentivi a imprese

Udine, 8 mag - La Giunta regionale ha approvato nella seduta straordinaria di oggi un disegno di legge omnibus per affrontare criticità e urgenze sul territorio e rispondere a problemi specifici, come quelli di numerosi enti locali che, grazie al ddl, potranno beneficiare della proroga dei termini per l'utilizzo dei contributi per la manutenzione di impianti sportivi e per interventi sui beni culturali.

In materia di lavoro, il ddl contiene importanti disposizioni per concretizzare un patto virtuoso fra Amministrazione regionale, sistema produttivo e parti sociali in base al quale la concessione di incentivi sia possibile solo a fronte di comportamenti coerenti con la salvaguardia del tessuto produttivo e occupazionale locale e del riassorbimento delle eccedenze occupazionali create sul territorio dalla difficile congiuntura economica.

Una delle previsioni principali riguarda la possibilità di concedere incentivi alle aziende esclusivamente per assunzioni di lavoratori residenti continuativamente sul territorio regionale da almeno 5 anni. In questo modo, la Regione garantisce che le risorse alle imprese siano impiegate effettivamente per favorire il riassorbimento delle eccedenze determinatesi in Friuli Venezia Giulia durante la crisi.

Il ddl prevede anche nuove disposizioni in materia di disciplina contributiva, disponendo che a fruire dei contributi regionali possano essere solo aziende che nei 3 anni precedenti alla presentazione della domanda di beneficio non abbiano effettuato sul territorio regionale licenziamenti collettivi; nel caso in cui il licenziamento si verifichi nei 3 anni successivi alla data di conclusione dell'iniziativa oggetto di beneficio l'azienda sarà chiamata a restituire quanto percepito dalla Regione.

In materia di incentivi fiscali, il ddl modifica anche quanto introdotto con la Stabilità 2019 prevedendo l'estensione dell'arco temporale dello stato di disoccupazione, attualmente fissato a 24 mesi, a 48 mesi precedenti alla data dell'assunzione per la deduzione dall'imponibile Irap a favore dei soggetti che assumono a tempo indeterminato lavoratori che hanno perso la propria occupazione a seguito di una crisi aziendale. La modifica amplierà la platea dei soggetti disoccupati presi in considerazione per la concessione della misura agevolativa ma non costringerà ad una revisione delle stime sull'impatto finanziario elaborate con la Stabilità 2019.

In materia di enti locali, sono una decina i Comuni che potranno procedere con i cantieri di ristrutturazione a beni del patrimonio culturale e a manutenzioni di impianti sportivi: ciò in attesa che venga posta soluzione normativa di più ampio respiro per ovviare all'annoso problema di enti locali che non riescono a rispettare le fasi procedurali, anche per carenza di personale, e sono costretti a chiedere proroghe per non perdere i contributi già concessi.

La settantina di articoli della omnibus, inoltre, oltre a mettere mano a riordini e armonizzazioni normative in varie materie, disciplinano poi vari aspetti in materia di agricoltura, attività produttive, autonomie locali, sicurezza, finanza, cultura, sport, infrastrutture, paesaggio, sanità, servizi sociali, lavoro, università e funzione pubblica.

In materia di commercio la norma, modificando la legge regionale del 2005 sulle attività commerciali e la somministrazione di alimenti e bevande, sottrae anche per il Friuli Venezia Giulia il settore del commercio su aree pubbliche dalla disciplina Bolkestein, così come già disposto dalla legge di Bilancio nazionale 2019. Per il commercio su aree pubbliche si esclude quindi l'applicazione delle disposizioni relative alla procedura di selezione tra i candidati potenziali, previste per i settori in cui vi sia un numero limitato di autorizzazioni disponibili.

La commercializzazione di prodotti tipici locali e del Made in Italy, inclusi i prodotti biologici o a km zero è stata prevista dal ddl come criterio di priorità per il rilascio della concessione di posteggio, assieme a altre fattispecie come l'anzianità storica dell'operatore, il maggior numero di presenze nel mercato dove viene chiesta l'assegnazione del posteggio in qualità di precario e un equilibrato rapporto tra tipologie alimentari e non alimentari.

Tra gli articoli del ddl, in materia di sicurezza va segnalato anche l'aumento delle risorse per garantire il funzionamento del distaccamento dei Vigili del Fuoco a Grado e Lignano, città turistiche che vedono incrementare esponenzialmente la popolazione nel periodo estivo e quindi anche la necessità di presidio territoriale; in materia di infrastrutture il ddl prevede anche il sostegno per l'installazione e l'adeguamento degli ascensori degli immobili di proprietà privata per migliorare fruibilità e accessibilità degli spazi abitativi. ARC/EP/fc



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ddl omnibus: regole più stringenti per incentivi a imprese

TriestePrima è in caricamento