Economia: Bini, Top 500 dimostra ottimo stato salute imprese Fvg



Pordenone, 11 nov - "Un sistema che non solo regge l'urto della crisi ma che sta anche continuando a crescere, grazie a imprese i cui bilanci dimostrano valori della produzione a doppia cifra".

Lo ha detto l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini partecipando all'Interporto Pordenone alla prima delle serate dedicata all'illustrazione dei dati sulle 500 top aziende del Friuli Venezia Giulia.

Alla presenza dell'amministratore delegato di Interporto Giuseppe Bortolussi, del presidente di Unindustria Pordenone Michelangelo Agrusti e dei rappresentanti istituzionali che hanno dato vita alle tavole rotonde in occasione dell'evento, l'esponente dell'esecutivo regionale ha espresso la sua soddisfazione per i dati presentati quest'oggi, che dimostrano l'ottimo stato di salute dell'economia del Friuli Venezia Giulia.

Alcuni dei numeri illustrati, frutto di uno studio compiuto da Pwc e Fondazione Nordest, hanno posto in evidenza il fatto che le prime 500 aziende per fatturato del Friuli Venezia Giulia hanno fatto registrare ricavi pari a 36,4 miliardi di euro, con un incremento del valore di circa il 10 per cento rispetto l'anno precedente. Inoltre il 74 per cento delle imprese facenti parte della lista hanno dimostrato di avere un fatturato in crescita; inoltre per un quinto di esse, l'aumento è stato superiore del 20 per cento rispetto al 2017. Per la prima volta da quando viene redatto lo studio, sull'Ebitda la marginalità ha sfondato il tetto dei 3 miliardi di euro. Infine le top 500 hanno poi prodotto un utile pari a 1,2 miliardi di euro.

"Queste cifre - ha detto Bini - danno la dimostrazione tangibile dell'ottimo stato di salute del sistema Friuli Venezia Giulia, che sta continuando a crescere. Quando vedo incrementi del valore della produzione a doppia cifra allora possiamo capire con facilità che l'ambiente in cui si fa impresa è molto competitivo e attrattivo, nonostante la nostra sia una piccola regione d'Italia. In questo contesto poi ci sono eccellenze come il sistema Pordenone con il suo Interporto, frutto del lavoro compiuto da imprenditori e istituzioni lungimiranti, che hanno posto le basi e costruito il futuro di questo territorio. È un modello che va seguito e che può fungere da traino per l'intero sistema economico del Friuli Venezia Giulia".

Soffermandosi poi sul corso di studi dedicato alla logistica avviato all'interno di Interporto, Bini ha sottolineato l'importanza di stare al fianco di imprenditori e lavoratori "facendo in modo che la digitalizzazione e le nuove competenze diventino un patrimonio comune e condiviso. La formazione - ha concluso l'assessore regionale - è per noi una sfida importante ma soprattutto un asset da potenziare per accompagnare la crescita della nostra economia in mercati sempre più competitivi". ARC/AL/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento