Venerdì, 30 Luglio 2021
Notizie dalla giunta

Economia: Zilli, fusione Carnia Park/Innova Fvg rilancia montagna

Trieste, 25 giu - "Questa operazione rappresenta un tassello fondamentale per il rilancio economico della montagna del Friuli Venezia Giulia dopo l'emergenza pandemica, in quanto si fonda sulla stretta relazione tra un centro di ricerca e l'attività industriale". Lo ha detto a Tolmezzo l'assessore regionale alle Finanze del Friuli Venezia Giulia, Barbara Zilli, nel corso dell'assemblea dei soci di Carnia Industrial Park che ha approvato all'unanimità dei presenti il progetto di fusione per l'incorporazione del Consorzio Innova Fvg di Amaro. Dopo aver ringraziato i vertici del Consorzio e gli assessori regionali Sergio Emidio Bini (Attività produttive) e Alessia Rosolen (Lavoro) per la collaborazione nel percorso intrapreso, Zilli ha sottolineato i principi del metodo adottato nel rilanciare una situazione di profonda crisi di Innova Fvg ereditata dal passato. "E' finito il tempo - ha detto Zilli - in cui per ripianare i bilanci in perdita si ricorreva automaticamente ai fondi pubblici, senza strategie e piani di sviluppo, creando in questo modo i presupposti per perdite ancora maggiori. Per questo abbiamo inteso cercare una soluzione di prospettiva, di visione, che favorisse un salto di qualità mettendo insieme competenze e esperienze di livello, grazie anche alla sinergia con Friuli Innovazione". Come ha spiegato l'assessore, si è partiti dallo studio di un modello virtuoso come quello dei parchi tecnologici austriaci. "In pratica, l'applicazione di un sistema capace di realizzare un forte correlazione tra la ricerca tecnologica e le realtà produttive, al fine di sostenere i processi innovativi essenziali a garantire la competitività delle aziende e del territorio". Infine, relativamente allo sviluppo delle aree montane, Zilli ha tracciato il futuro con positività partendo proprio dall'operazione odierna, con l'auspicio che faccia da volano per la crescita di nuove startup con protagonisti i giovani. "A dar sostanza alla ripresa - ha concluso Zilli - si aggiungono i finanziamenti dal Pnrr e quelli dei bandi regionali sull'innovazione, per un insieme di opportunità che ci permettono di intraprendere la sfida di far tornare la montagna protagonista dello sviluppo". Carnia Industrial Park con la fusione incorpora parte del complesso immobiliare di Amaro: 10.729 mq di superfice coperta e i terreni nei comuni di Amaro e Maniago per complessivi 45.589 mq. ARC/GG/ep


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Economia: Zilli, fusione Carnia Park/Innova Fvg rilancia montagna

TriestePrima è in caricamento