Enti locali: Roberti, nomina Commissari liquidazione Uti e avvio Edr

Trieste, 27 mar - "Un passo in avanti nel percorso di riforma degli enti locali del Friuli Venezia Giulia, che segna il definitivo superamento delle Uti e apre al nuovo assetto territoriale con l'avvio - e il successivo subentro - degli Enti di decentramento regionale".

È quanto comunicato dall'assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, a margine dell'approvazione della delibera di Giunta con la quale sono stati nominati i commissari straordinari per la liquidazione delle Unioni territoriali intercomunali che esercitano le funzioni delle soppresse Province e per il subentro e l'avvio degli Enti di decentramento regionali (Edr) di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine.

"A partire dal 1 aprile - ha spiegato l'assessore Roberti - tutte e quattro le Uti degli ex capoluoghi di provincia verranno rette da due Commissari: per le Uti Noncello e Friuli centrale, le cui assemblee erano state già sciolte, Augusto Viola proseguirà il lavoro già intrapreso, mentre per le Uti Giuliana e Collio-Alto Isonzo abbiamo nominato il ragioniere generale della Regione, Paolo Viola".

Il provvedimento definisce i compiti principali che spetteranno ai due commissari chiamati a curare gli adempimenti per la liquidazione delle Uti entro la fine di giugno 2020. "A loro - ha aggiunto l'assessore - verrà demandato il compito di organizzare l'avvio degli Enti di decentramento regionale, i quali subentreranno alle Uti fino alla nomina degli organi interni che ne assicureranno autonomia e funzionamento".

Ai commissari sarà riconosciuta un'indennità di carica pari a quella attribuita al sindaco del Comune dell'Unione con il maggior numero di abitanti, con la maggiorazione del 50 per cento in ragione del conferimento a entrambi dell'incarico di Commissario di due Enti. ARC/CCA/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento