Fiumi: Vito, 2 milioni già stanziati a Sacile per il Livenza

Trieste, 26 luglio - "La Regione non ha mai trascurato le richieste dell'amministrazione comunale di Sacile che riguardano la tutela e la salvaguardia del fiume Livenza, e l'attenzione verso questi temi si è tradotta in 2 milioni di finanziamenti, di cui quasi 800 mila euro per interventi urgenti per il quale il Comune è stato delegato ad effettuare i lavori". Lo afferma l'assessore all'ambiente della regione Friuli Venezia Giulia, Sara Vito, rispondendo alla segnalazione del sindaco di Sacile in merito allo stato di degrado in cui versa il tratto del fiume che attraversa il centro storico. In particolare, Vito ricorda che nel 2014 la giunta regionale ha finanziato con 500 mila euro i lavori urgenti di sistemazione idraulica di un tratto del fiume Livenza all'interno del centro abitato di Sacile, affidando in delegazione amministrativa al Comune l'esecuzione dei lavori; "mi risulta - precisa Vito - che i lavori siano in corso, poiché è stato approvato recentemente il progetto definitivo con erogazione dell'acconto". A ciò si aggiunge un finanziamento di 255 mila euro per opere di consolidamento delle sponde del fiume Livenza presso piazzetta Manin, "un intervento di manutenzione straordinaria che anche in questo caso è stato affidato in delegazione amministrativa al Comune" ribadisce Vito. Nel 2014 si sono conclusi i lavori, per un importo di 1,2 milioni di euro, per il rinforzo degli argini del fiume Livenza a monte ed a valle di via Timavo, a salvaguardia della pubblica incolumità e dei centri abitati. "In questo caso i finanziamenti derivavano - ricorda Vito - da un Accordo di programma stilato tra la Regione e il Ministero dell'Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico". L'assessore Vito conferma poi che "l'impegno della Regione sta proseguendo anche con la ricerca di ulteriori finanziamenti statali per 5 milioni di euro"; a tanto ammontano infatti gli interventi inseriti dalla Regione nel Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo (Rendis) per l'esecuzione di opere di adeguamento, recupero funzionale ed ambientale della rete idraulica minore del sacilese (stimato in 3,5 milioni di euro) e per il ripristino delle opere di difesa spondale, oltre che per il recupero funzionale ed ambientale delle aree golenali di espansione del fiume Meschio (per 1,5 milioni). L'assessore Vito conferma che "la Regione continua ad ascoltare e cogliere, come fa con tutte le amministrazioni comunali, le necessità del territorio; l'intervento auspicato dal sindaco non è banale sia per la complessità dell'intervento che per l'entità del finanziamento che richiederebbe, aspetti che andranno valutati congiuntamente, come abbiamo sempre fatto finora". ARC/SSA/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Sport: Gibelli a Fipav, essenziali per benessere ragazzi e famiglie

Torna su
TriestePrima è in caricamento