LAVORO TRANSFRONTALIERO: APPROVATO IL PROGETTO EURADRIA 2016

Trieste, 27 ott 2015 - La Commissione Europea, Direzione Generale Occupazione, Affari sociali e Inclusione, ha approvato il Progetto Euradria 2016 presentato a giugno dalla Regione Friuli Venezia Giulia - Area Agenzia regionale per il Lavoro, capofila del Progetto.

Lo rende noto l'assessore regionale al Lavoro Loredana Panariti a margine della riunione del Comitato di pilotaggio del Progetto Euradria 2015, tenutosi a Trieste, presso la sala Tessitori del Consiglio regionale.

"L'approvazione di questa progettualità, per un valore complessivo di 220.000,00 euro, è un importante segnale di fiducia da parte della Commissione Europea che in questo modo assicura la continuità delle azioni Euradria a favore della mobilità del lavoro nell'area transfrontaliera tra Italia, Slovenia e Croazia" ha dichiarato Panariti.

Il Progetto capitalizza le esperienze di Cooperazione sviluppate dapprima con la Slovenia e poi con la Croazia nel corso delle precedenti edizioni e rafforza la partnership transfrontaliera in materia di Lavoro, Occupazione e Occupabilità tra i Centri per l'Impiego, Eures Advisers, associazioni datoriali, sindacati nazionali e transnazionali coinvolti nelle attività.

L'obiettivo finale del Progetto è contribuire a dare piena ed effettiva applicazione all'articolo 45 del Trattato EU, ovvero al principio della libera circolazione dei lavoratori, calata nella realtà sociale ed economica della regione Euradria.

"La nostra area presenta sfide economiche ma anche opportunità sociooccupazionali assolutamente peculiari che è necessario saper cogliere sfruttando al meglio gli strumenti comunitari, come i fondi EaSI (Employment and Social Innovation) offerti dalla Commissione" ha aggiunto Panariti.

L'assessore ha anche sottolineato come il workplan di attività previste da Euradria 2016 rappresenti un trait d'union tra le necessità occupazionali del territorio e le linee guida della Commissione Europea in materia lavorativa.

Euradria 2016 concentrerà l'attenzione sul lavoro transfrontaliero, rafforzando la cooperazione tra i Centri per l'Impiego italiani, sloveni e croati e gli Eures Advisers della regione e offrendo strumenti e servizi nuovi a chi cerca lavoro e a chi cerca lavoratori nell'area transfrontaliera.

Euradria 2016 continuerà inoltre l'attività di monitoraggio, analisi e mappatura dei flussi di lavoratori transfrontalieri tra Italia, Slovenia e Croazia, focalizzandosi in particolare sui segmenti con impatto sul tessuto produttivo e industriale transfrontaliero.

ARC/Com/PPD



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Covid: Riccardi, macchina vaccinale Fvg modulata a flussi consegne

  • Ristori: Bini, da Commissione ok a fondi per frasche, osmizze, private

  • Friulano: Roberti, 27 audiovisivi per bambini strumento grande utilità

Torna su
TriestePrima è in caricamento