Lingue minoritarie: ok ad accordo per tutela reciproca Fvg-Veneto

Udine, 18 ago - Friuli Venezia Giulia e Veneto stringono un'alleanza per la tutela e lo sviluppo delle lingue minoritarie e delle reciproche varietà linguistiche.

È quanto stabiliscono due delibere approvate all'inizio di agosto dalle rispettive Giunte con cui le due Regioni hanno dato il via libera ad un "Accordo di collaborazione per la tutela e per lo sviluppo del patrimonio linguistico e culturale della componente friulanofona della Regione del Veneto e venetofona della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia".

Presupposto dell'accordo - che attiva una collaborazione richiesta da anni dalle comunità locali - è l'uso della lingua friulana anche in aree circoscritte dei comuni veneti di Concordia Sagittaria, Fossalta di Portogruaro, Gruaro e Portogruaro, ma anche - come riconosciuto nel 2006 dal Consiglio Provinciale di Venezia - nei comuni di San Michele al Tagliamento, Teglio Veneto e Cinto Caomaggiore. Allo stesso modo, in Friuli Venezia Giulia persiste l'uso di dialetti veneti che la Regione è tenuta a valorizzare in base alla L.R. 5/2010.

Con questo Accordo, la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia si impegna ad estendere alcuni servizi erogati dall'Agenzia regionale per la Lingua Friulana (Arlef) anche agli organismi veneti riconosciuti, nonché a consentire l'accesso ai finanziamenti regionali per la promozione della cultura e della lingua friulana ai Comuni veneti interessati. La Regione Veneto, a sua volta, si impegna a promuovere il finanziamento di progetti a sostegno della lingua friulana con i fondi previsti dalla L.R.73/1994 e a favorire le iniziative culturali volte all'approfondimento del friulano nell'area del portogruarese, anche con il coinvolgimento delle Università presenti nelle due Regioni. L'accordo ha durata triennale ma potrà essere prorogato. L'Arlef è incaricato della gestione operativa dell'attività.

Nello specifico, le due Regioni potranno collaborare per sviluppare iniziative mirate alla piena attuazione delle leggi statali e regionali istituite per la tutela della lingua minoritaria, con particolare riferimento alla componente linguistica friulana presente nel territorio portogruarese del Veneto. Potranno inoltre favorire la cooperazione tra i soggetti firmatari per la salvaguardia del patrimonio linguistico e culturale della componente friulanofona in Veneto e venetofona in Friuli Venezia Giulia. Il friulano potrà essere proposto come attività integrativa nelle scuole dei comuni interessati, così da promuoverne la conoscenza e l'uso della sua grafia ufficiale. Infine, le due Regioni potranno supportare le amministrazioni locali, gli enti, le società pubbliche e le associazioni di categoria nell'attuare progetti per la promozione della lingua minoritaria, il recupero del patrimonio lessicale desueto e la pratica del polilinguismo. Allo stesso tempo, la Regione Veneto si impegna a sviluppare, di concerto con il Friuli Venezia Giulia e con il coinvolgimento delle amministrazioni locali, iniziative di sostegno delle minoranze linguistiche, della storia e della cultura veneta nel territorio friulano, anche mediante l'attuazione di progetti statali e comunitari. ARC/SSA/gg



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia: Fedriga, tappa Rivolto entrerà in annali manifestazione

  • Scuola in ospedale: Rosolen, strategica formazione multidisciplinare

  • Istruzione: Rosolen, disposizioni post-Dpcm stabilite da Regione e Usr

  • Alpini: Callari, Regione sempre vicina a Penne Nere, preziose alleate

  • Trasporti: Pizzimenti, servizi per intermodalità in bicicletta

  • Covid: Riccardi, punto tamponi Codroipo completa offerta prossimità

Torna su
TriestePrima è in caricamento