rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Notizie dalla giunta

Omnibus: inseriti accorgimenti per superare criticità personale sanità

Trieste, 26 mag - Per quanto riguarda la sanità la Giunta regionale ha inserito all'interno del disegno di legge Omnibus una serie di misure inerenti in particolar modo il personale, le quali sono in linea con il documento programmatico dei fabbisogni di personale sanitario approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 2 marzo 2022 e sottoposto al Governo.

Attraverso questo provvedimento si punta a rivedere il rapporto tra la sanità pubblica e i medici di medicina generale e a superare alcune criticità che riguardano il personale dei servizi socio sanitari, anche superando il vincolo di esclusività del rapporto di impiego per gli infermieri. L'obiettivo è da una parte valorizzare il personale in servizio e fronteggiare il problema della mancanza di medici di medicina generale nelle aree marginali e dall'altra rimediare alla diffusa carenza di personale all'interno del Servizio sanitario, con provvedimenti che contemplano anche la possibilità di ricorrere ai servizi di medici in quiescenza e a un diverso utilizzo degli specializzandi.

È, in sintesi, quanto spiegato dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute dopo l'approvazione da parte del Consiglio regionale degli articoli inerenti la salute del disegno di legge inerente "Disposizioni in materia di finanze, relazioni internazionali, biodiversità, pesca sportiva, attività produttive, turismo, autonomie locali, sicurezza, lingue minoritarie, corregionali all'estero, funzione pubblica, lavoro, formazione, istruzione, famiglia, patrimonio, infrastrutture, territorio, viabilità, ambiente, energia, cultura, sport, animali di affezione e salute (Legge regionale multisettoriale 2022)", in attesa che la norma venga approvata integralmente dall'Aula.

L'esponente della Giunta ha evidenziato che quanto inserito nella Omnibus deriva anche dal costruttivo confronto con i professionisti dalla salute e ha carattere temporaneo. La Giunta ha infatti sviluppato questo provvedimento consapevole del fatto che il Governo potrebbe ritenere di avere una competenza esclusiva in merito ad alcuni aspetti della norma e di conseguenza di impugnare il provvedimento di fronte alla Corte costituzionale. Si tratta, però, di misure necessarie per affrontare il complesso momento che stiamo vivendo e in particolare quelle rese più evidenti dalla pandemia in merito al personale, quindi l'auspicio è che il Governo decida di sostenere le posizioni assunte dalla nostra regione frutto del lavoro unanime delle regioni italiane e di non impugnare la parte della norma relativa alla sanità. ARC/MA/pph



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omnibus: inseriti accorgimenti per superare criticità personale sanità

TriestePrima è in caricamento