Patrimonio: Callari, accordo con Comune Pn per uso spazi ex Provincia

Accoglieranno nuovo comando Polizia locale e centro per impiego

Trieste, 17 lug - L'accordo per la valorizzazione di alcuni immobili della Regione presenti nel capoluogo della Destra Tagliamento e dati in uso al Comune di Pordenone è stato approvato dall'Esecutivo Fedriga su proposta dell'assessore al patrimonio Sebastiano Callari.

Il documento prende le mosse dal fatto che, con la chiusura della Provincia, la Regione ha acquisito nel proprio patrimonio una serie di edifici del centro storico che si prestano ad avere un ruolo chiave nella riorganizzazione delle funzioni pubbliche del territorio, allo scopo di favorirne lo sviluppo e la promozione.

I dettagli dell'accordo prevedono che l'amministrazione regionale ceda al Comune l'immobile di via Concordia; ciò avverrà quando l'Ufficio scolastico regionale, che ora occupa quella sede, avrà concluso il trasferimento in altro edificio regionale, ovvero entro il 31 marzo del prossimo anno. Una volta libera, la struttura verrà utilizzata per ospitare il comando della Polizia locale.

In un altro passaggio del protocollo è previsto che la Regione conceda al Comune l'utilizzo della sala consiliare dell'ex Provincia in largo san Giorgio per un numero massimo di 40 giornate l'anno fino al 2022 per ospitare eventi e manifestazioni del territorio. A ciò si aggiunge la concessione, a titolo gratuito, all'Amministrazione comunale del piazzale alberato che delimita largo San Giorgio e via Brusafiera per un periodo di 40 anni, rinnovabile. Il piazzale potrà essere utilizzato per iniziative promosse dal Comune.

Inoltre, la Regione concederà l'uso a titolo gratuito ai fini della permeabilità pedonale negli orari di apertura degli uffici regionali, l'ampia corte interna dell'ex Provincia con accesso da largo San Giorgio, da corso Garibaldi, attraverso l'androne di palazzo Sbrojavacca e da vicolo Brusafiera, per un periodo di 40 anni rinnovabile.

Infine, le parti si impegnano a provvedere, entro il 30 giugno del 2021, al trasferimento della sede del Centro per l'impiego di via Borgo Sant'Antonio, nell'immobile attualmente dato in locazione alla società Hydrogea spa, in piazzetta del Portello.

"Questo accordo - spiega l'assessore Callari - è stato redatto affinchè il Comune di Pordenone possa valorizzare una serie di immobili e spazi trasferiti a suo tempo alla Regione, nell'ottica di uno sviluppo della città e del territorio. In particolare sull'edificio di via Concordia, l'Amministrazione comunale potrà utilizzare un contributo nazionale del valore di circa 1,5 milioni che gli è stato concesso, con il quale provvedere alla sistemazione dello stabile per adattarlo alle esigenze del comando della Polizia municipale. Quello intrapreso con il Comune rappresenta un modo corretto e propositivo di collaborazione tra enti, che va nella direzione della valorizzazione dei beni a favore della collettività locale". ARC/AL/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento