Martedì, 18 Maggio 2021
Notizie dalla giunta

Por-Fesr: Zilli, transizione ecologica entra nel Comitato Sorveglianza

Udine, 19 mar - Il nuovo ministero della Transizione ecologica avrà un proprio rappresentante all'interno del Comitato di sorveglianza del programma comunitario Por-Fesr 2014-2020. Lo ha stabilito una delibera della Giunta regionale su proposta dell'assessore alle Finanze del Friuli Venezia Giulia, Barbara Zilli, che ha dato attuazione a una richiesta dello stesso ministero. "È un'integrazione che garantisce la massima rappresentatività delle articolazioni delle amministrazioni nazionali all'interno del Comitato - ha spiegato Zilli -, tanto più condivisibile e necessaria quanto più il programma regionale che utilizza fondi europei sarà orientato a dare impulso all'attuazione di politiche per la sostenibilità ambientale dell'intera economia regionale e alla conversione sempre più verde del nostro tessuto imprenditoriale". "La transizione ecologica è un asse strategico del programma comunitario declinato in numerose progettualità trasversali anche nella spesa regionale dei fondi europei - ha aggiunto Zilli -. Lo stesso Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) abbraccia la causa della sostenibilità destinando quasi 70 miliardi del Recovery Plan ai progetti di investimento in questo settore". Il rappresentante del ministero della Transizione ecologica, nello specifico, sarà un funzionario del Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi (Ditei). Il Comitato di sorveglianza è composto da oltre 40 rappresentanti delle direzioni regionali coinvolte nell'attuazione, nonché delle pertinenti articolazioni delle amministrazioni nazionali, dei responsabili regionali delle politiche trasversali e di integrazione con altri fondi strutturali e d'investimento europei. Tra essi figurano anche dei componenti a titolo consultivo, senza diritto di voto, in rappresentanza della Commissione europea, del partenariato istituzionale, del partenariato economico e sociale e terzo settore, degli organismi intermedi e autorità urbane, nonché delle altre autorità coinvolte dal programma operativo. Le funzioni del Comitato di sorveglianza attengono all'approvazione dei criteri di selezione, all'esame dell'attuazione e alla valutazione del programma, oltre che all'approvazione preliminare delle modifiche del programma stesso. L'organismo è presieduto dall'assessore regionale alle Finanze e il suo funzionamento non comporta oneri a carico del bilancio regionale, in quanto i componenti non percepiscono alcun compenso né rimborsi spese. ARC/SSA/ma


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Por-Fesr: Zilli, transizione ecologica entra nel Comitato Sorveglianza

TriestePrima è in caricamento