Notizie dalla giunta

Porzus: Torrenti, pronto il protocollo per la gestione delle Malghe

Trieste, 21 gennaio - Il testo del Protocollo d'intesa finalizzato alla valorizzazione delle Malghe di Porzus è ormai nero su bianco. Nell'ultima seduta della Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, per iniziativa dell'assessore alla Cultura Gianni Torrenti, è stato esaminato e approvato, e ora la Regione intende procedere al più presto alla sottoscrizione di questo atto, atteso da molti anni, con l'Associazione Partigiani Osoppo Friuli, la Provincia di Udine e i Comuni di Faedis e di Attimis.

In sette articoli, preceduti da una dettagliata ricostruzione di quanto ha riguardato fin dall'immediato dopoguerra uno dei luoghi più significativi per la memoria delle dolorose vicende che hanno coinvolto il Confine Orientale nel corso degli anni 1943-1945, culminati con l'eccidio delle Malghe di Porzus, si gettano le basi per la "migliore tutela e valorizzazione del compendio", a suo tempo dichiarato "bene di interesse storico e culturale".

Considerato in particolare che la sua proprietà, a seguito del riordino delle funzioni delle Province e del passaggio di competenze, è stata trasferita alla Regione, attraverso il Protocollo si punta a "sviluppare attività dirette a promuovere la conoscenza del sito e ad assicurarne le migliori condizioni di conservazione, utilizzazione e fruizione pubblica, anche da parte delle persone diversamente abili", per favorire la crescita della cultura e della conoscenza storica.

In osservanza del principio della successione tra Enti e nella qualità di attuale proprietario, la Regione fa proprio l'impegno a suo tempo assunto dalla Provincia di Udine a mantenere la destinazione d'uso del compendio e a curarne la conservazione, la tutela e la valorizzazione. L'impegno è direttamente correlato alla donazione a suo tempo disposta dall'APO in favore della stessa Provincia. Contestualmente la Provincia di Udine si impegna (sino alla prevista durata dello stesso Ente) a favorire in ogni modo l'effettivo passaggio della gestione. Dal canto loro i Comuni di Faedis e di Attimis, per quanto di competenza di ciascuno, collaboreranno con la Regione e con l'APO nell'azione di tutela, anche curando il mantenimento funzionale della viabilità comunale di accesso al compendio.

L'APO prosegue nell'attività di valorizzazione storico-culturale del compendio, nel rispetto delle connotazioni di area sacra che la caratterizzano ai fini di promozione della cultura, e conferma l'intendimento di voler acquisire il bene in concessione d'uso gratuito. In questo senso l'APO presenterà il progetto di conservazione programmata, con l'indicazione delle misure e gli interventi necessari ad assicurare la conservazione del bene, che si impegna a far portare a compimento; il programma che indica le modalità di pubblica fruizione; il progetto di valorizzazione, con l'indicazione anche dei servizi di accoglienza che si intendono far realizzare.

Non solo. La Regione, con la firma del Protocollo consente sin d'ora all'APO di procedere all'installazione della stele commemorativa dei fatti e del contesto storico in cui ebbe luogo l'eccidio, realizzata con fondi della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Provincia di Udine. "Si conclude finalmente un percorso, con un Accordo voluto da tutti e a da tutti condiviso", sottolinea Torrenti, ricordando che alla stesura del testo del Protocollo ha collaborato la stessa Associazione Partigiani Osoppo, guidata dal presidente Cesare Marzona.

"Abbiamo proseguito sulla strada tracciata dalla Provincia di Udine, coinvolgendo anche i Comuni di Faedis e di Attimis per dare maggior spessore alla valorizzazione di un sito che è un patrimonio dell'intera Nazione. Sono particolarmente lieto - conclude l'assessore regionale - che tutto ciò avvenga a ridosso del 5 febbraio, quando è in programma la cerimonia in occasione del settantaduesimo anniversario dell'eccidio", consumato nel febbraio del 1945.

ARC/PPD



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porzus: Torrenti, pronto il protocollo per la gestione delle Malghe

TriestePrima è in caricamento