Mercoledì, 16 Giugno 2021
Notizie dalla giunta

SALUTE: APPROVATO PIANO 2016 PER PROMOZIONE INVECCHIAMENTO ATTIVO

Trieste, 23 giugno - A seguito dell'approvazione del Programma triennale di promozione dell'invecchiamento attivo è stato predisposto il Piano annuale 2016 nella cui realizzazione sono coinvolte, a vario titolo, oltre alla direzione centrale Salute, Integrazione socio-sanitaria, Politiche sociali e Famiglia anche le direzioni centrali Infrastrutture e Territorio; Lavoro, Formazione, Istruzione, Pari opportunità, Politiche giovanili, Ricerca e Università; Cultura, Sport e Solidarietà.

Oggi la Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell'assessore regionale alla Salute e alle Politiche sociali Maria Sandra Telesca, ha approvato in via definitiva il Piano annuale che, in sostanza, ricalca la forma del Programma triennale e, all'interno delle linee strategiche, declina, per le varie aree di intervento, quali siano gli obiettivi individuati dal Programma triennale e quali le azioni da realizzare nel corso del 2016 per il raggiungimento di quegli obiettivi.

"Attraverso la programmazione di interventi coordinati e integrati a favore delle persone anziane vogliamo raggiungere gli obiettivi di promozione dell'invecchiamento negli ambiti delle politiche familiari, della formazione permanente, della cultura e del turismo sociale, dei trasporti, della salute e del benessere, dello sport e del tempo libero, dell'impegno civile e del volontariato, della partecipazione, del lavoro", spiega Telesca, aggiungendo che il Programma è uno strumento strategico che, nel dare attuazione alla normativa, supera la logica "tradizionale" di programmazioni parallele e settoriali e si propone di garantire l'applicazione del principio di "trasversalità".

Anche il piano 2016 introduce una linea strategica trasversale, la "partecipazione a reti nazionali ed europee e a progetti europei", con la quale "ci proponiamo - spiega Telesca - di interfacciarci con le reti nazionali ed europee utilizzando anche le opportunità di finanziamenti europei per approfondire le tematiche sull'invecchiamento attivo".

I beneficiari del Piano sono le persone anziane, sia attive che fragili, e gli adulti disabili; le associazioni familiari; i Servizi sociali dei Comuni e le UTI; gli enti di formazione, le Università delle LiberEtà e della Terza età, le scuole statali e paritarie del FVG; gli organismi pubblici o privati senza fini di lucro; le organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale; le imprese sociali e gli Enti pubblici; le strutture residenziali per anziani; i medici di Medicina generale; imprese, Università ed Enti di ricerca.

Tra le linee di intervento vi sono l'implementazione del Programma regionale SiConTe e della gamma dei servizi offerti per i bisogni delle famiglie (legge104/1992, FAP, Amministrazione di sostegno, Servizi televita, ecc.) nonché il rafforzamento del Programma di intervento per l'emersione del lavoro di cura svolto a domicilio dalle assistenti familiari.

Verrà finanziata inoltre la formazione rivolta alle persone anziane con la finalità di valorizzarne il protagonismo, sia dal punto di vista della relazione, sia delle competenze; la formazione di personale addetto all'assistenza alla persona nei servizi residenziali, semi-residenziali e nell'assistenza domiciliare e il sostegno alle attività delle Università delle LiberEtà e della Terza età e a progetti sviluppati in alcune aree di intervento previste dal Piano regionale per l'ampliamento dell'Offerta Formativa (POF) delle scuole del FVG.

Si garantirà il sostegno a progetti che prevedano sinergie e reti tra Enti pubblici e soggetti privati per sviluppare l'impegno civile degli anziani.

In tema di mobilità sono previsti finanziamenti per il sostegno e la realizzazione di ascensori in case di anziani e disabili; per lo sviluppo di forme innovative di condivisione dell'abitare; per la partecipazione ai processi per la definizione di piani urbanistici, in particolare di Piani per l'Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA) per favorire l'inclusione e la mobilità e per l'attuazione del Piano della prevenzione, in particolare individuando specifiche azioni nelle strutture residenziali per anziani.

Altre linee di intervento prevedono l'incentivazione a progetti di innovazione tecnologica da realizzare in collaborazione tra imprese e università e organismi di ricerca nel settore Smart Health per realizzare prodotti, processi o servizi innovativi da introdurre nel mercato e, infine, il supporto a interventi e progetti per la diffusione delle nuove tecnologie e dei collegamenti web tra le persone anziane.

ARC/EP/ppd



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SALUTE: APPROVATO PIANO 2016 PER PROMOZIONE INVECCHIAMENTO ATTIVO

TriestePrima è in caricamento