Salute: Riccardi, nuova Tac a Spilimbergo aumenta offerta sanità Fvg

Spilimbergo, 9 ago - "L'attività svolta dal S. Giovanni dei Battuti non è in discussione ed anzi le sue nuove tecnologie, al servizio non solo della comunità locale ma anche dell'intero territorio, si inseriscono nella logica di collaborazione tra strutture hub e spoke previste nel disegno di riforma della sanità nella nostra regione".

Lo ha detto il vicegovernatore della Regione Riccardo Riccardi partecipando oggi a Spilimbergo alla cerimonia di inaugurazione della nuova Tac a 64 livelli in dotazione del locale nosocomio. Il macchinario di ultima generazione - il cui costo di aggira attorno ai 350 mila euro - eleva la qualità della struttura ospedaliera e, al contempo, aumenta l'offerta diagnostica della Destra Tagliamento. L'apparecchiatura è in grado di compiere l'esame riducendo di molto, rispetto alle vecchie apparecchiature, le radiazioni, con ripercussioni positive sui pazienti.

Alla presenza del sindaco della Città del mosaico Enrico Sarcinelli, dell'assessore comunale alla Sanità Stefano Zavagno, del commissario straordinario dell'Aas 5 Eugenio Possamai nonché di numerosi primi cittadini del mandamento spilimberghese, Riccardi ha spiegato l'importanza delle strutture periferiche in una logica di collaborazione tra ospedali hub e spoke. "I nosocomi come questo - ha detto - sono di supporto alla rete regionale perché di aiuto ai tre ospedali principali della regione. L'importante è capire che non devono esistere strutture che fanno battaglie di campanile per dare una risposta alla richiesta di salute a livello locale; al contrario serve una visione prospettica che interessi un territorio più ampio, cosa che accade in questa circostanza come testimonia la presenza di molti sindaci dell'area spilimberghese alla cerimonia di quest'oggi".

In questa logica, Riccardi ha posto in evidenza il fatto che nuove apparecchiature come quelle entrare in funzione al San Giovanni dei Battuti "consentono di dare risposte a livello territoriale, sgravando gli hub da una parte di attività a bassa complessità, permettendogli di concentrarsi sulle casistiche più complesse e sulle urgenze".

Infine Riccardi ha spiegato che, in una logica di confronto con il territorio, da fine agosto inizierà una serie di incontri con tutti gli ambiti del Friuli Venezia Giulia dai quali ricavare suggerimenti utili in vista della definizione della legge di programmazione della sanità regionale. ARC/AL/ep



Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autonomia: Fedriga, Fvg favorevole a potenziamento specialità

  • Ambiente: Scoccimarro, nel 2018 qualità aria complessivamente buona

Torna su
TriestePrima è in caricamento