Salute: Riccardi, ospedale San Vito non rischia declassamento

"Nessuna ipotesi di chiusura per il punto nascita"

Trieste, 8 set - L'ospedale di San Vito al Tagliamento (Pordenone) non corre alcun rischio di essere declassato e per il punto nascita non c'è alcuna ipotesi di chiusura.

Il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, lo ha spiegato oggi al sindaco Antonio Di Bisceglie nel corso di un incontro svoltosi nel Municipio sanvitese.

"Non esiste alcun piano - ha evidenziato Riccardi - ma è in corso l'elaborazione di una norma di legge che superi la riforma Serracchiani-Telesca nella parte della pianificazione sanitaria. Stiamo affrontando argomenti troppo seri per basarli su veline, esercizi di manine organizzate o strumentalizzate da qualche irresponsabile".

"I contenuti della programmazione - ha aggiunto il vicegovernatore Fvg - raccoglieranno gli elementi della distribuzione dell'offerta da parte dei professionisti, a partire dai capi di dipartimento dell'Aas 5 che incontrerò insieme al commissario straordinario già nel corso di questa settimana".

"Penso che l'attuale offerta in quest'area sia equilibrata e non abbia bisogno di rivoluzioni - ha sottolineato ancora Riccardi - ma semplicemente delle azioni utili a garantire un'adeguata distribuzione delle prestazioni, elevando ancor di più i livelli di sicurezza e qualità".

"In questa discussione, considerando che vogliamo una forte integrazione sociosanitaria, anche i Comuni saranno coinvolti. Visiterò a breve - ha concluso l'esponente della Giunta Fedriga - distretti e ambiti e ci sarà modo di confrontarci". ARC/COM/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Riccardi, da Cividale parte modello massivo per vaccinazioni

  • Carburanti: Scoccimarro, Covid ha stravolto consumi, legge da rivedere

  • Covid: Bini, ristori anche a chi realizza corsi sportivi e ricreativi

  • Sport: Gibelli a Fipav, essenziali per benessere ragazzi e famiglie

  • Attività produttive: Bini, nuovo servizio completa attrattività area

Torna su
TriestePrima è in caricamento