SALUTE: SERRACCHIANI/TELESCA INCONTRANO DIRETTORE CRO AVIANO TUBERTINI

Udine, 28 gen - Si è tenuto oggi a Udine l'ultimo degli incontri che la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca hanno programmato con i vertici delle strutture sanitarie regionali per fare il punto sull'avanzamento della Riforma della Sanità regionale.

È stato il direttore generale del Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano Mario Tubertini a illustrare lo stato delle progettualità dell'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) che si caratterizza come Centro di ricerca di eccellenza e Ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale nel settore oncologico.

"Il CRO svolge un'attività scientifica di alto livello e gode di una grande reputazione, non solo nella comunità scientifica, ma anche presso utenti e cittadini: ne è un segnale il numero straordinariamente alto di donazioni, oltre 70.000, che provengono dal 5 x 1.000 della dichiarazione dei redditi", ha ricordato Tubertini.

Anche lo stato di avanzamento della Riforma è, secondo il direttore generale, positivo. "Il CRO - ha affermato Tubertini - si appresta a cambiare in modo importante la sua fisionomia in funzione del trasferimento dall'Azienda per l'Assistenza Sanitaria (AAS) n. 5 Friuli Occidentale di alcuni settori come l'Oncologia e la Medicina nucleare, che già dalla seconda metà dell'anno verranno gestiti direttamente dal CRO, anche sul territorio pordenonese.

"In questo senso i rapporti con Pordenone sono da due mesi molto intensi e proseguono proficuamente", ha reso noto il direttore ricordando che "comunque non si tratta di un banale processo di trasferimento, ma di un'operazione complessa che comporta vari aspetti amministrativi e gestionali e che dunque richiede confronto continuo e gradualità nel tempo".

Anche sulla necessità di implementare il rapporto e il servizio al territorio, Tubertini ha assicurato che "il percorso dei pazienti oncologici del CRO che appartengono al territorio sarà condiviso con la Medicina generale, in linea con quanto previsto dalla Riforma della Sanità regionale".

Al termine dell'incontro la presidente Serracchiani e l'assessore Telesca hanno espresso soddisfazione per "l'impegno dimostrato nello sviluppo delle attività di alta specialità del CRO e per lo stato di integrazione con l'AAS n. 5 e la rete ospedaliera pordenonese nell'ottica della concentrazione delle attività per attuare le linee più importanti della Riforma ed elevare così la qualità delle cure".

ARC/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Edilizia: Pizzimenti, avviata ricognizione fabbisogni edifici di culto

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Ue: Zilli, Fvg si conferma al vertice su programmazione Por Fesr

  • Prot. Civile: Riccardi, lezione Zamberletti ancora attuale

  • Consorzi: Bini a Cosef, va superata fase commissariale ex Aussa-Corno

Torna su
TriestePrima è in caricamento