SALUTE: TELESCA, ENDOMETRIOSI RICHIEDE RISPOSTA DI SISTEMA

Trieste, 5 mar - "L'endometriosi è una patologia dalla diffusione alta di cui non si parla abbastanza e che va affrontata con un'organizzazione di sistema, capace di dare risposta alle persone che ne sono colpite e non alla malattia stessa".

Così si espressa l'assessore regionale alla Salute del Friuli Venezia Giulia Maria Sandra Telesca prendendo parte al convegno organizzato a Roveredo in Piano (PN) su Endometriosi: sintomi e conseguenze, promosso dall'Associazione Endometriosi FVG nell'ambito della Settimana europea dedicata alla sensibilizzazione su una patologia che, come ha ricordato la presidente del sodalizio Sonia Manente, "colpisce una donna su 10, incide sulla vita di coppia, sull'attività lavorativa, sulle relazioni sociali abbassando notevolmente la qualità della vita di una donna anche molto giovane".

Ai lavori, moderati dalla giornalista Gioia Meloni, sono intervenuti anche l'europarlamentare Isabella De Monte e Francesco Pascolini, presidente di Federfarma Friuli Venezia Giulia. L'endometriosi è una malattia cronica, progressiva e invalidante caratterizzata dalla presenza in altri organi dell'endometrio, il tessuto che riveste la parte interna dell'utero. Mensilmente, sotto gli effetti degli ormoni ovarici, il tessuto endometriale impiantato in sede anomala continua a comportarsi come se si trovasse ancora all'interno dell'utero, con sanguinamenti e infiammazioni dei tessuti circostanti che determinano la formazione di tessuto cicatriziale, aderenze e cisti.

Le cellule impazzite che derivano dall'endometrio possono inoltre emigrare e localizzarsi pericolosamente anche in altri organi, danneggiandoli e richiedendo anche la necessità di interventi chirurgici. I sintomi vanno dal dolore mestruale severo ai disturbi intestinali e all'affaticamento cronico. Grazie alla sensibilizzazione dell'Associazione Endometriosi FVG, il Friuli Venezia Giulia è stata la prima Regione in Italia a dotarsi di una legge specifica, la legge regionale 18/2012 che ha portato all'istituzione di un Osservatorio regionale e di un Registro regionale dell'Endometriosi, per la raccolta e l'analisi dei dati di natura clinica ma soprattutto sociali riferiti alla malattia.

L'Associazione è stata ringraziata dall'assessore Telesca che ha evidenziato il "rapporto dialettico e forte di collaborazione. Il contributo delle associazioni, che rappresentano la voce delle persone che stanno male è uno stimolo giusto e positivo per le istituzioni".

Il Convegno, con la partecipazione di numerosi esperti del settore, ha posto in rilievo numerosi aspetti: diagnostici, epidemiologici, chirurgici e anche sociali, legati all'impatto sul mondo del lavoro, alla facoltà di procreare e alla dimensione relazionale della donna colpita.

"Non è possibile conoscere una malattia solo quando se ne è affetti - ha rilevato a tale proposito Telesca -. Ci sono molte patologie che coinvolgono le persone in modo silenzioso, con molta sofferenza, ma che ci indicano che dobbiamo affrontare le malattie pensando che la persona che abbiamo davanti non è la sua patologia".

ARC/PPH/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, possibile anticipare appuntamenti fissati dopo 10/5

  • Legno-arredo: Bini, da bilancio Catas segnale positivo per il settore

  • Omnibus: Callari, soddisfazione per approvazione norme Cuc e demanio

  • Turismo: Bini, bando su Fondo rotazione per riqualificare strutture

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Covid: Riccardi, macchina vaccinale Fvg modulata a flussi consegne

Torna su
TriestePrima è in caricamento