Trieste Next: manifestazione che dimostra vocazione scientifica Fvg

Edizione in presenza lancia segnale di speranza per futuro

Trieste, 15 set - L'edizione 2020 di Trieste Next, la quale prenderà il via dopo il successo dell'EuroScience Open Forum che ha reso Trieste capitale europea della scienza, dimostra la vocazione verso la ricerca e l'innovazione di Trieste e dell'intero Friuli Venezia Giulia che in futuro dovrà tradursi in sbocchi occupazionali e nell'insediamento di nuove realtà imprenditoriali nel settore del terziario avanzato.

È questo, in sintesi, il messaggio lanciato durante la presentazione della nona edizione di Trieste Next dall'assessore regionale alle Autonomie locali, che ha evidenziato come l'organizzazione della manifestazione e dei suoi eventi in larga parte in presenza sia un importante segnale di speranza per il futuro in un momento complesso come quello che il mondo sta vivendo a causa della pandemia. Il coronavirus ha infatti imposto comportamenti diversi rispetto al passato e ha spinto tutti a sfruttare tecnologie forse poco utilizzate nel nostro Paese e ad adattarsi a nuove modalità di lavoro. Oggi però è importante, nel rispetto delle norme di sicurezza, riportare a un ruolo centrale le relazioni umane e gli incontri in presenza di Trieste Next rappresentano un importante passo avanti nel cammino verso il ritorno alla normalità. Inoltre, la decisione di mantenere l'accesso gratuito ai tutti gli eventi consentirà di raggiungere un'ampia platea di persone, offrendo un'ulteriore occasione di visibilità per il capoluogo regionale e le numerose realtà scientifiche insediate in Friuli Venezia Giulia.

TriesteNext, il cui titolo sarà "Science for the Planet: 100 idee per la vita che verrà", spazierà attraverso numerosi temi dalla salute all'inquinamento, all'energia, all'alimentazione, fino allo sviluppo industriale ed economico, passando per la gestione del territorio e molto altro. Quest'edizione della manifestazione, pur nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, si svolgerà negli stand del Villaggio della scienza in piazza dell'Unità d'Italia e, al contrario di molte altre manifestazioni di questo periodo, la grande maggioranza dei relatori sarà presente dal vivo negli spazi tradizionali del festival, anche se tutti gli appuntamenti potranno essere seguiti anche in remoto tramite dirette streaming. La novità di quest'anno sarà infatti la versione digitale del festival: un vero palinsesto online che unirà attraverso una conduzione giornalistica da studio gli appuntamenti e i relatori e li seguirà per l'intero corso di ogni giornata. In questo modo chi non potrà partecipare fisicamente potrà seguire interventi e altri avvenimenti.

Il festival è organizzato da Comune di Trieste, Università degli Studi di Trieste, ItalyPost, Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale e Immaginario Scientifico con il sostegno della Regione e della Camera di Commercio Venezia Giulia, gode della collaborazione della Commissione Europea e di Confindustria Alto Adriatico e vede tra i suoi partner la Fondazione Airc per la lotta contro il cancro ed Egea.

Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito www.triestenext.it. ARC/MA/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento