Turismo: Bolzonello, 'montagna vocata sport bianco, anche speciale'

Tarvisiano, 25 gennaio - "Lo sport, che fa parte del dna della nostra gente, che in questo caso è l'occasione per atleti speciali per confrontarsi con avversari di tutto il mondo, assieme ai quali hanno già vinto la gara imposta loro dalla vita per battere la diversità, è anche un'occasione per far conoscere le attrattive turistiche, le peculiarità, l'eccellenza del nostro territorio". Lo ha affermato il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello intervenendo a Tarvisio, sulla pista da sci Di Prampero, alla premiazione della gara di discesa libera del Campionato del mondo di Sci paralimpico.

Bolzonello ha ricordato la lunga e consolidata tradizione del Friuli Venezia Giulia e della montagna friulana a ospitare grandi manifestazioni sportive. "Quella attualmente in corso - ha proseguito il vicepresidente - riveste un significato particolare, evidenzia un'altra vocazione che è propria della nostra gente: la propensione all'accoglienza, alla solidarietà, alla integrazione dei diversamente abili, ad affrontare e a superare assieme agli altri anche le forme di disagio e le difficoltà imposte dalla vita".

"Nel contempo - ha aggiunto Bolzonello - il Friuli Venezia Giulia è capace di valorizzare le proprie potenzialità e le ricchezze di una realtà, questa nostra realtà, che concentra in poche centinaia di chilometri le principali bellezze naturali: dal mare alle nostre belle montagne, sulle quali lo sport dello sci, di alto livello come questo, ma anche amatoriale e turistico, è di casa". "Si creano così le occasioni - ha concluso il vicepresidente - per far conoscere e apprezzare la nostra regione: oggi, grazie al Mondiale di Sci paralimpico, il Friuli Venezia Giulia ha infatti avuto visibilità sugli schermi televisivi e nei media di tutto il mondo".

Al Campionato mondiale di Sci paralimpico di Tarvisio, che si concluderà martedì 31 gennaio, per la prima volta ospitato sulle nevi del Friuli Venezia Giulia, partecipano 300 atleti di 35 Nazioni, con al seguito accompagnatori e guide, assistiti da una cinquantina di volontari. L'evento sportivo rappresenta il trampolino di lancio per le Paralimpiadi di PyeongChang nel 2018.

ARC/CM/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, supporto Confindustria Pn accelera campagna in Fvg

  • Cultura: Gibelli, mostra Manara a Paff di Pn segnale per ripartenza

  • Terremoto: Fedriga, riscoprire il senso di comunità

  • Turismo: Bini, 36 mln per infrastrutture e impianti montagna

  • Terrorismo: Zannier, bene Stato garantisca giustizia a vittime

Torna su
TriestePrima è in caricamento