menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Curva Furlan, "Dall'osteria allo stadio": domenica continua la protesta contro Pontrelli

Lo rileva in una nota la Curva Furlan: «Nel noto locale da Glenn alle 12, uno degli storici feudi del popolo della curva un evento aggregativo nel nome del marchio. Poi alle 14.30 con auto e scooter, raggiungeremo lo stadio ,per posizionarci come sempre, fuori dalla nostra Curva»

«La Furlan, dopo la schiaccianti vittorie su Pontrelli nelle prime giornate di campionato, non si ferma e non frena le proprie ambizioni. Sempre dinamici e creativi, puntiamo, come sempre all'originalita', mai scontati o ripetitivi: sorprendere e' il nostro "vizio"!»

Lo rileva in una nota la Curva Furlan.

«Domenica  - continua la nota - assestiamo un altro colpo al castello di menzogne costruito da Pontrelli, dobbiamo essere e saremo, la sua spina nel fianco! La Curva Furlan organizza l'evento: "Dall'osteria allo stadio"! Nel noto locale da Glenn, uno degli storici feudi del popolo della curva, si terra' un evento aggregativo nel nome del marchio che sara' simbolicamente esposto a significare la presenza dell'antico e glorioso blasone dell'alabarda... unico ed inimitabile! DJ set, tanta musica, la presentazione delle nuove sciarpe, colorera' l'appuntamento».

«L'evento - sottolineano -  avra' inizio alle ore 12, per concludersi alle 14.30, quando, tutti insieme, con auto e scooter, raggiungeremo lo stadio ,per posizionarci come sempre, fuori dalla nostra Curva, per manifestare e rivendicare cio' che e' nostro. Anche se i cancelli della Furlan resteranno chiusi noi non ci sposteremo per rimarcare il fatto che non siamo li per impedire a nessuno di entrare, ne intimidire le persone che decidono di seguire quella squadra  ma per difendere il nostro territorio, "marchiandolo" ogni partita con la nostra presenza. Il fatto che i cancelli della Curva rimangono chiusi va letta come una vittoria nostra, piu' che simbolica, perche' e' la nostra presenza all'esterno della Furlan ad indurre chi di dovere a non aprire quel varco».

«L'originalità - ancora la Curva Furvan -  ed il colpo d'occhio dell'arrivo rumoroso di auto e scooter fara' parlare di noi come sempre. Passeremo un altro pomeriggio d'aggregazione e lotta dietro il nostro striscione, continuando, con coerenza, cio' che abbiamo promesso. Un'altra occasione per stare insieme, noi che non molliamo. Un'altra giornata diversa, fuori dagli schemi, da vivere tutta d'un fiato, contrapponendo la nostra allegria, il colore che diffondiamo, alla tristezza dei silenzi e degli echi di quello stadio vuoto. Dopo i tifosi virtuali di Fantinel, oggi arrivano i tifosi inventati di Pontrelli che tenta di gonfiare le cifre esigue e ridicole di spettatori della sua squadretta senza storia e senza nome».

«Non manchiamo - concludono - , dunque, a quest'altro momento storico della nostra esistenza, ancora protagonisti fantasiosi in una citta' spenta che distrattamente osserva la Triestinita' calpestata dall'arrogante romano. Ma noi no, non ci stiamo e non stiamo immobili ad aspettare, non cediamo alla rassegnazione ma saliamo controvento e controcorrente, come sempre! Tutti da Glenn, ore 12 e poi... accendiamo i motori e formiamo il "serpentone" che arriverà a Valmaura.... la nostra casa!»

Grafica1-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento