Pallacanestro, l'addio di Mauro: "Saluto Trieste con orgoglio da “triestìn”"

L'ex presidente della Pallacanestro Trieste Gianluca Mauro saluta la società: "Ora comincia una nuova era, e da tifoso mi piacerebbe sognare ancora, ancora ed ancora: perchè la MIA Trieste non deve essere brava; la MIA Trieste, deve essere la migliore"

“La stagione del basket viene e va; i desideri e le vittorie non invecchiano mai…ma cambiano. Oggi, dopo tre anni, in accordo con la società finisce la mia storia dirigenziale con la Pallacanestro Trieste e comincia quella da tifoso". Comincia così il toccante saluto dell'ex presidente Gianluca Mauro alla società. Risale a neanche una settimana fa l'annuncio del suo successore Mauro Ghiacci.

"Una storia nata tre anni fa - ricorda Mauro -, che mi ha regalato un nuovo ed utile percorso professionale: in questa storia giocatori, staff, dirigenti e pubblico… tutti assieme abbiamo sognato; abbiamo sorriso; abbiamo pianto e soprattutto abbiamo vinto. Grazie a questa storia, da “furlàn” ho conosciuto Trieste e la sua gente: quella stessa gente che, oggi, saluto con orgoglio da “triestìn”, con il nostro piccolo tricolore sul petto, quello vinto dopo la promozione in Serie A".

"Vi abbraccio tutti virtualmente: per me inizia una nuova vita professionale, ma quella da tifoso di pallacanestro rimane e rimarrà sempre per la nostra Trieste. Ora comincia una nuova era, e da tifoso mi piacerebbe sognare ancora, ancora ed ancora: perchè la MIA Trieste non deve essere brava; la MIA Trieste, deve essere la migliore” conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento