Martedì, 22 Giugno 2021
Sport

L'Alma supera la Verona 68-66 e consolida il terzo posto in classifica (FOTO)

La difesa triestina, impeccabile soprattutto negli ultimi minuti, una delle chiavi dell'importante vittoria biancorossa

Foto Massimiliano Rossetti

La quarta giornata del girone di ritorno del campionato di Pallacanestro di serie A2-Est Citroën ha proposto alla Alma Arena l’interessante incontro tra l’Alma Pallacanestro Trieste e la Tezenis Verona: sfida tra Trieste, terza in classifica e Verona, a sei lunghezze dalla formazione biancorossa ma in prepotente ascesa, anche in virtù di un roster di indiscusso valore. Al termine di una partita palpitante l’Alma ha superato la Tezenis 68-66, davanti a 4233 gli spettatori con rappresentanza veneta: le due tifoserie sono gemellate e durante tutto l’incontro le due curve si sono incitate a vicenda; a fine partita esemplare è stato l’applauso collettivo alle due squadre che hanno appunto dato vita ad un incontro tirato per tutti e quaranta minuti. Certamente soddisfatto il presidente Giovanni Marzini per la risposta odierna da parte del pubblico triestino mentre in sala stampa coach Dalmasson si è complimentato con i ragazzi per la generosità con la quale la formazione triestina ha gestito l’incontro, sottolineando la grande difesa esercitata nei minuti finali e la forza mentale che ha consentito di portare a casa la vittoria nonostante la pessima percentuale ai liberi: 14 su 29. Per il coach della Tezenis Dalmonte qualche rammarico per aver comandato per trenta minuti senza però mantenere la lucidità necessaria per conquistare la vittoria. Il tabellino finale parla di 15 punti per Green, 12 per Bossi ed 11 per Da Ros, conditi da 12 rimbalzi e 5 assist. Per gli ospiti 22 punti di Frazier ed 11 di Robinson.

PRIMO QUARTO

L’Alma Trieste parte con Parks, Bossi, Coronica, Green e Da Ros; la Tezenis Verona risponde con  Diliegro, Robinson, Portannese, Frazier e Totè. Rompe il ghiaccio capitan Coronica con una tripla. Per la formazione veneta si mette in luce l’ex Diliegro che contribuisce in modo decisivo al break veronese di 8-0 che porta la Tezenis sul 12-7. La formazione gialloblu mantiene  il vantaggio e, grazie ai punti di Frazier sulla prima sirena, chiudono il primo quarto avanti 23-17.

SECONDO QUARTO

La Tezenis allunga con cinque punti consecutivi di Portannese e con  la tripla di Basile mantiene un vantaggio in doppia cifra.  Green si confeziona una potenziale azione da quattro punti ma sbaglia il libero supplementare. Baldasso e Pecile contribuiscono alla rimonta della squadra biancorossa che ricuce la gran parte dello svantaggio andando a riposo lungo sotto di due punti (40-42)

TERZO QUARTO

Simioni completa l’aggancio e Green non  va oltre all’1 su 4 ai liberi mentre per Verona uno scatenato Frazier ridà ossigeno alla formazione di coach Dalmonte (43-47) ma Bossi trova la tripla del -1. Trieste continua a sbagliare dalla linea dei liberi – inconsueto lo 0-2 di Pecile -, virgola anche per Da Ros mentre il solo Parks confeziona un 2/2 a cronometro fermo che mantiene l’Alma a stretto contatto con la Tezenis, anche perché neanche gli scaligeri sono perfetti ai liberi,  4 su 6 nel finale di periodo che si chiude con il minimo vantaggio esterno grazie alla buona conclusione da sotto da parte di Da Ros (54-55).

QUARTO QUARTO

Con quattro punti consecutivi Parks consente all’Alma di rimettere la testa avanti con possibilità di allungare fino al +5 con il canestro di Da Ros. La reazione di Verona non si fa attendere: parziale di 7-0 firmato Frazier e Pini e i biancoblu veneti tornano in vantaggio con pareggio siglato da Bossi,; nei minuti finali Trieste difende alla morte, impedendo ai tiratori veronesi di chiudere l’azione entro i 24 secondi; è proprio a seguito di un’azione propiziata da un’infrazione di tempo che l’Alma confeziona l’evento che probabilmente decide le sorti dell’incontro: la squadra triestina lancia il contropiede ma la conclusione a canestro viene sporcata in qualche maniera dalla difesa scaligera, Green è più lesto di tutti depositando a canestro pur subendo fallo. Trasformato il libero supplementare i ragazzi di Dalmasson, trascinati dal pubblico, in questa occasione vero sesto uomo in campo, riescono a recuperare un altro pallone, trasformato in due punti da Parks. Verona trova in maniera rocambolesca il canestro del -1 e nell’azione successiva Pecile viene fermato fallosamente. A 12 secondi il Pec ha la possibilità di allungare con due liberi ma oggi non è proprio serata e ne mette uno solamente. L’Alma non è ancora in bonus e può spendere un fallo dopo aver costretto all’angolo Verona. A poco più di tre secondi dal termine coach Dalmonte chiama timeout per disegnare l’ultimo e decisivo attacco veronese: la conclusione di Robinson, ben contrastato, si spegne sul primo ferro e Trieste può finalmente esultare per la vittoria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Alma supera la Verona 68-66 e consolida il terzo posto in classifica (FOTO)

TriestePrima è in caricamento